Sabato, 10 Aprile 2021
MOTOGP

MotoGp Doha: i top e flop della seconda gara dell'anno

Il secondo round del campionato ha sorrisi ad alcuni protagonisti, mentre è stato decisamente più amaro per altri

Yamaha Motor Racing Srl

Due gare di fila, nella notte di Losail. Una settimana fa il Gran Premio del Qatar ha inaugurato la stagione. Nella domenica di Pasqua i protagonisti della MotoGp sono scesi nuovamente in pista pronti a concedere il bis. Dopo la seconda gara qatariota, il Gran Premio di Doha, c'è chi è andato a dormire con un sorriso largo così e chi invece è pieno di comprensibile delusione e non vede l'ora di rifarsi nella gara in programma tra due settimane, il Gran Premio del Portogallo sulla pista di Portimao. Ecco i top e flop della seconda gara della stagione della MotoGp, il Gran Premio di Doha 2021.

MotoGp Doha: I top 

Fabio Quartararo: la notte di Doha sorride al talento del pilota di Nizza. Una vittoria ottenuta con grande intelligenza tattica e lucidità. Il pilota francese offre subito un saggio del suo talento rispondendo subito al successo ottenuto la scorsa settimana dal compagno di squadra Maverick Vinales. Il giovane pilota transalpino pareggia i conti con una vittoria molto simile a quella ottenuta dal compagno di team. Non si perde d’animo dopo una partenza poco felice e dalla settima posizione costruisce la sua gara. Approfitta dell’errore di Bagnaia a poche tornate dalla fine, poi usa tutta la gomma che ha magnificamente conservata grazie a una guida attenta per andare a infilare le Pramac di Zarco e Martin. La Yamaha, dopo la doppietta in Qatar, pista Ducati, può sorridere per il trionfale inizio di stagione.

MotoGp: i top e flop del Gp del Qatar

Johann Zarco: nuovamente secondo, ancora una volta al top. Il pilota di Cannes in questo avvio di stagione sta dimostrando una grande maturità. In sella alla Ducati Pramac del team di Paolo Campinoti si sta esaltando. Nella volatona finale scalza il giovane compagno di team Jorge Martín e vola in testa al Mondiale. Si presenterà in Portogallo, nel prossimo appuntamento della stagione MotoGp, come uno dei piloti più attesi.

Jorge Martín : la cantera spagnola continua a sfornare talenti. Il giovanissimo pilota di Madrid, che ha dedicato il suo primo podio in MotoGp a Gresini con cui ha vinto il Mondiale Moto3 nel 2018, nella sua seconda gara in MotoGp corre già con la classe di un veterano. Al sabato realizza una pole-position da urlo, facendo vedere a tutto il mondo il suo talento cristallino. Resta in testa per quasi tutta la gara grazie a una guida pulita e sicura, utilizzando poca pista per accorciare le traiettorie. Si arrende solo nel finale a un Quartararo quando nulla può di fronte all’allungo del francese che ha gestito meglio le gomme e al volatone del suo compagno di team che lo salta all’ultima curva. Ma già dalla prossima gara non sarà più una sorpresa.

MotoGp: il calendario della stagione 2021

Pramac Ducati: un inizio di Mondiale da sogno. Il secondo posto nella gara inaugurale di Zarco, il doppio podio con Zarco e Martín nella seconda gara. Il francese in testa al mondiale, il giovane spagnolo che sboccia subito ed è pronto per regalare emozioni. E il Mondiale è appena cominciato...

MotoGp Doha: i flop 

Francesco Bagnaia: il pilota torinese, dopo la pole posizion e il bel podio della scorsa settimana, si aspettava una gara decisamente diversa. Soltanto sesto al traguardo, paga una pessima partenza (al primo giro è decimo) e soprattutto un errore nel finale. Da terzo a settimo, in una gara MotoGp in stile moto3 è stato un attimo, il tempo di un lungo. Spalanca le porte del successo a Quartararo e si deve accontentare del sesto posto.

Jack Miller: nono al traguardo, nervosissimo nella lotta con Mir. Il campione del mondo lo accusa, a ragione, di aver cercato volutamente un contatto pericoloso e di avergli compromesso la gara. Una manovra al limite che doveva essere oggetto di investigazione. Il bilancio delle prime due gare del pilota di Townsville è decisamente negativo. Miller imputa il suo calo nel finale ad un “arm pump” alle braccia. Promette di presentarsi al top alla prossima gara a Portimao. Forse gli basta un po’ di pazienza: il talento c’è e i risultati arriveranno.

MotoGp Doha: vince Quartararo

Pol Espargarò: ha aspettato questo momento per tutto l'inverno e per buona parte della carriera. Pol Espargarò, tredicesimo al traguardo, non ha iniziato come voleva la sua avvetura con la Honda ufficiale. La Casa dell'Ala d'oro non vede l'ora di riabbracciare Marc Marquez. Bradl fa quel che può ed è 14esimo, Nakagami 17esimo, per Alex Marquez un altro ritiro. Che debacle!

Valentino Rossi: 21 esimo in qualifica, 16 esimo in gara. Nella settimana in cui riceve i duri attacchi di Lucchinelli ci si aspettava una risposta in pista. Purtroppo il Dottore fa nuovamente i conti con i problemi alla gomma posteriore e con lo scarso feeling con la sua Yamaha Petronas. La speranza è che per lui e per il suo compagno di team Morbidelli (oggi 12esimo, ndr) in Europa inizi un'altra stagione.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

MotoGp Doha: i top e flop della seconda gara dell'anno

Today è in caricamento