rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
Sport

La grande impresa della piccola Nicole: quattro ori ai mondiali di atletica

L'atleta del Team Ability La Marmora è la protagonista indiscussa dei mondiali sudafricani di atletica riservati a chi è affetto dalla sindrome di Down. Uno storico trionfo che la giovane ha voluto dedicare commossa alla nonna, scomparsa di recente

Si chiama Nicole Orlando ed è definitivamente entrata nella storia dell'altletica leggera italiana. Ai mondiali sudafricani riservati ad atleti con la sindrome di Down ha letteralmente trionfato: quattro ori e un argento, una vera e propria impresa storica. 

La prestazione degli azzurri è stata davvero notevole: 27 medaglie di cui 18 gli ori, 7 argenti e due bronzi. Ma la protagonista assoluta del mondiale è proprio Nicole: l'atleta del Team Ability La Marmora si è confermata così una fuoriclasse assoluta nel panorama internazionale. Durante la premiazione Nicole non è riuscita a trattenere le lacrime: ha dedicato quel successo storico alla nonna, scomparsa di recente, che avrebbe dovuto accompagnarla in Sudafrica. 

Alle medaglie si aggiunge anche la soddisfazione del record mondiale nel triathlon (lancio del peso, salto in lungo e corsa). Poi l'oro nei 100 metri, quello del salto in lungo e quello della staffetta femminile, insieme alle sue compagne Pertile, Bonfanti e Spano. Nicola è di Biella e a vent'anni è già una delle migliori atlete della sua categoria.

Marco Borzacchini, presidente Fisdir per l’Italia ha commentato: "Eravamo arrivati in Sudafrica con la consapevolezza di essere una delle nazioni più all’avanguardia nel mondo, ma vincere 27 medaglie, di cui 18 d’oro, è sicuramente un risultato che va oltre le aspettative. Siamo ad oggi una delle nazioni più forti nel mondo per l’atletica leggera riservata ad atleti con sindrome di Down e questo fa onore al nostro Paese e al movimento paralimpico". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La grande impresa della piccola Nicole: quattro ori ai mondiali di atletica

Today è in caricamento