Mercoledì, 21 Aprile 2021
Italia

Dal Governo arriva il sì alle Olimpiadi 2026: valgono tre miliardi di euro

Lavoro, rigenerazione del territorio e boom turistico: se le olimpiadi arriveranno a Milano-Cortina si prevede un valore aggiunto pari a 1,2 miliardi di euro. L'assegnazione dei Giochi Olimpici invernali 2026 avverrà il 24 giugno

Il presidente del Veneto Luca Zaia, quello della Lombardia Attilio Fontana, il presidente del Coni Giovanni Malagò, il sindaco di Milano Giuseppe Sala e quello di Cortina Giampiero Ghedina a palazzo Reale di Milano per il meeting con la commissione del Cio che sta valutando la candidatura di Milano e Cortina per ospitare le olimpiadi invernali del 2026, Milano, 5 aprile 2019. ANSA / MATTEO BAZZI

Il Governo ha firmato le garanzie finanziarie a sostegno della candidatura di Milano Cortina alle olimpiadi invernali 2026. È stato il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega allo Sport, Giancarlo Giorgetti, a comunicare la decisione del Governo, prima di consegnare il documento ufficiale a Octavian Morariu, il membro Cio che presiede la delegazione internazionale.

giorgetti cio-2

"Il governo si è impegnato a garantire i servizi che può fare solo il governo, quindi dogane, frontiere e sicurezza -spiega il sottosegretario Giorgetti- C'è stato un accordo sottoscritto fra Comuni, Regioni e Stato. Le spese sostenute dal comitato organizzatore, da Lombardia, Veneto, Milano e Cortina, genereranno tante e tali imposte che incasserà lo Stato che supereranno gli oneri che indirettamente lo Stato dovrà sostenere".

"Le infrastrutture direttamente coinvolte, come il nuovo Palasport di Milano, piuttosto degli impianti sportivi fatti per i Giochi saranno sostenuti direttamente dal comitato organizzatore o dagli enti interessati".

Un atto importante, fa sapere il Coni, arrivato nel penultimo giorno del tour della Commissione di Valutazione: l'assegnazione dei Giochi Olimpici invernali 2026 avverrà il 24 giugno nella Sessione del Cio in programma a Losanna.

Olimpiadi 2026, valore aggiunto per 1 miliardo di euro

Uno studio dell'Università Bocconi prevede che l'investimento -stimato in circa 868 milioni di euro e costi operativi di 952 milioni- porterà attività per quasi tre miliardi di euro e un valore aggiunto di 1,2 miliardi di euro.

Il bilancio redatto dalla Bocconi, a detta del sindaco di Milano, Giuseppe Sala, offre "tutto sommato un risultato molto positivo. "Le olimpiadi daranno impulso a nuove opportunità di sviluppo, lavoro e rigenerazione ecologica del territorio, sia dove si svolgono i Giochi sia a livello nazionale".

Olimpiadi 2026, boom turistico per lombardoveneto

fontana sala ghedina zaia-2

Per il sindaco di Milano Giuseppe Sala le azioni messe in campo dal comitato organizzatore della candidatura italiana ai giochi olimpici del 2026 "consentiranno al Veneto e alla Lombardia di entrare nella top ten delle destinazioni turistiche in Europa".

Il sindaco lo dice durante il tavolo organizzato questa mattina al Palazzo Reale di Milano, in occasione della penultima giornata di visita della commissione valutativa Cio. Presenti oltre al comitato di valutazione anche il sindaco di Cortina, Giampiero Ghedina, e i due governatori regionali, il lombardo Attilio Fontana e il veneto Luca Zaia.

Tra gli obiettivi da centrare, oltre a rendere i Giochi "un fattore di sviluppo sostenibile a lungo termine, collegando l'evento a tutte le politiche ambientali sviluppate nell'area", occorre, a detta del sindaco, "promuovere i valori e lo spirito nobile delle Olimpiadi e delle Paralimpiadi come elemento di crescita sociale e miglioramento della qualita' della vita", ma soprattutto rafforzare il posizionamento italiano e in particolare "quello delle regioni alpine nel campo dello sport creando un vero hub per gli sport invernali a livello europeo e mondiale". Ed è proprio in questo senso che si inserisce la riflessione di Fontana sulla regione alpina: "La cooperazione territoriale alla base della candidatura si inserisce in un più complessivo disegno che vuol fare delle Alpi un laboratorio per la sperimentazione di un nuovo modello di governance dei territori", dice il governatore. 

Infatti, per Fontana "la Macroregione Alpina, una strategia dell'Unione Europea basata sulla collaborazione tra regioni transfrontaliere, interpreta quel desiderio di unità e visione del futuro espresso dalle popolazioni per il governo dei territori, dalle infrastrutture, alla tutela degli ambienti fragili, allo sport e alla cultura". Per il presidente, l'Agenda Cio 2020 ha "la stessa visione di lungo-periodo caratterizza la pianificazione strategica di Regione Lombardia e ne orienta le politiche", dunque "la candidatura Milano-Cortina 2026 si inserisce perfettamente nel quadro del Programma Regionale di Sviluppo 2018-2023- chiude Fontana- lo strumento di programmazione di Regione Lombardia elaborato sulla base delle richieste del territorio e in linea con gli obiettivi di sviluppo italiani, europei e delle Nazioni Unite". 

Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal Governo arriva il sì alle Olimpiadi 2026: valgono tre miliardi di euro

Today è in caricamento