rotate-mobile
Martedì, 16 Aprile 2024
Tokyo 2020

Larissa Iapichino costretta a rinunciare alle Olimpiadi di Tokyo

Notizia decisamente spiacevole per la squadra azzurra di atletica leggera in vista dei Giochi Olimpici di Tokyo

L'avventura di Larissa Iapichino a Tokyo 2020 è già finita. La 18enne azzurra, talento del salto in lungo come la mamma Fiona May, si è infortunata durante i campionati italiani di Rovereto. Doveva far parte di una squadra azzurra di atletica piena di talento e ricca di tante promesse, lei in testa. Saltatrice in lungo come la madre che alle Olimpiadi ottenne due argenti, era salita alla ribalta con il record mondiale indoor Under 20 eguagliando il primato di Fiona.

Personaggio pubblico sin da bambina, accompagnandola nelle pubblicità, l'ha poi appaiata in pedana. Ma ora un infortunio la costringe a fermarsi.

"Sabato sera durante la mia gara ai campionati italiani assoluti ho avuto un incidente al quinto salto chiudendo in sabbia - ha spiegato Larissa - essendo purtroppo, o per fortuna, un tipo molto testardo ho comunque voluto concludere la serie dei salti. In seguito a degli accertamenti svolti mi è stato diagnosticata una distrazione del legamento deltoideo del piede di stacco. Devo ancora fare ulteriori accertamenti ma, a detta degli specialisti, il periodo di guarigione e recupero mi impediranno purtroppo la partecipazione alle Olimpiadi".

Inevitabile l'amarezza. "Sono dispiaciuta ed amareggiata per questa situazione, ma cercherò di affrontare il tutto con la mia solita positività e motivazione. nonostante sia molto giovane ammetto che non sia facile vedersi scivolare di mano il sogno olimpico, ma penso che l'appuntamento sia solo rimandato. O almeno è ciò che continuerò a sognare. A presto!".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Larissa Iapichino costretta a rinunciare alle Olimpiadi di Tokyo

Today è in caricamento