rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
ATLETICA

Marcell Jacobs, che ingiustizia: non è tra i 10 in nomination per Atleta dell'Anno

Il nostro velocista, che ha trionfato nei 100 metri ed è stato protagonista nel successo dell'Italia nella staffetta 4x100, non è tra gli atleti tra cui potrà essere scelto il vincitore

Vincere i 100 metri alle Olimpiadi di Tokyo 2020, la gara simbolo dell'atletica e portare la propria Nazione a trionfare nella staffetta 4x100 in un'edizione che diventa da record per l'Italia non è bastato. Marcell Jacobs è fuori dai 10 atleti in nomination per l'ambito premio di Atleta dell'Anno.

Nella World Athletics maschile non c'è nemmeno un italiano, neppure Gianmarco Tamberi, insieme a cui sono volati in alto, verso la medaglia d'oro, tutti gli italiani.

Il Premio di atleta dell’anno, che venne istituito nel 1988, viene assegnato annualmente agli atleti che partecipano agli eventi di atletica leggera organizzati dalla World Athletics.

Per comprendere l'importanza di questo premio e il relativo smacco per l'Italia basti pensare che Usain Bolt l'ha vinto ben sei volte. In quest’annata dorata per la nostra atletica ci si aspettava di vedere almeno l’uomo più veloce del pianeta che ha portato conquistato orgogliosamente la medaglia più ambita alle Olimpiadi di Tokyo.

La giuria internazionale di esperti di atletica leggera “che è composta da rappresentanti di tutte e sei le aree continentali”, come specifica un comunicato, ha fatto altre valutazioni.

World Athletics 2021: gli atleti in nomination

Nello specifico, sono in nomination per il Premio di Atleta dell'anno 2021:

1)Joshua Cheptegei: mezzo fondista ugandese campione olimpico dei 5000 metri piani a Tokyo 2020;

2) Ryan Crouser: pesista americano, campione olimpico a Rio de Janeiro 2016 e Tokyo 2020 nonché detentore del record mondiale della specialità;

3) Mondo Duplantis: astista svedese, campione olimpico a Tokyo 2020;

4) Jakob Ingebrigtsen: mezzofondista e siepista norvegese, campione olimpico dei 1500 metri piani a Tokyo 2020;

5) Eliud Kipcoge: maratoneta e mezzofondista keniota, duplice campione olimpico di maratona a Rio de Janeiro 2016 e Tokyo 2020;

6) Pedro Pichardo: triplista cubano naturalizzato portoghese, campione olimpico a Tokyo 2020.

7) Daniel Stahl: discobolo svedese, campione olimpico a Tokyo 2020;

8) Miltiadis Tentoglou: lunghista greco, campione olimpico a Tokyo 2020;

9) Damian Warner: multiplista canadese, campione olimpico del decathlon a Tokyo 2020.

10) Karsten Warholm: ostacolista, velocista e multiplista norvegese, campione olimpico dei 400 metri ostacoli a Tokyo 2020.

A stonare non è il livello di questi atleti, tutti campioni olimpici nelle rispettive discipline, ma proprio la giustificazione che è stata data per l’estromissione dalle nomination di Marcell Jacobs.

Il presidente Sebastian Coe, infatti, ha detto che i World Athletics Awards premieranno gli atleti cha hanno mantenuto un alto livello di prestazioni lungo tutto l'arco dell'anno, non solo durante i Giochi Olimpici.

Jacobs ha corso i 100 metri in 9"80 conquistando il primato europeo e facendo registrare il terzo crono mondiale dell'anno ed è diventato campione europeo anche nei 60 metri.

Ha al collo la medaglia d’oro olimpica dei 100 metri e quella della staffetta 4x100 conquistate a Tokyo 2020. L’uomo più veloce del mondo, accusato anche di doping dalla stampa anglosassone, è fuori dai 10 atleti tra cui sarà scelto l’atleta dell’anno. Per l’Italia è davvero un’ingiustizia.


Il segreto di Marcell Jacobs: altro che doping è solo vita 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marcell Jacobs, che ingiustizia: non è tra i 10 in nomination per Atleta dell'Anno

Today è in caricamento