rotate-mobile
Sabato, 28 Gennaio 2023
Impresa sfiorata

Mauro Nespoli conquista l'argento nel tiro con l'arco

L'azzurro è stato sconfitto in finale dall'atleta turco Mete Gazoz: ''Una medaglia conquistata, adesso punto all'Australia nel 2032"

Mauro Nespoli sfiora l'impresa. "L'arciere" azzurro ha perso la finale per l'oro nella gara individuale del tiro con l'arco ai Giochi olimpici di Tokyo. L'azzurro, oro nella gara a squadre a Londra del 2012, ha ottenuto l'argento superato in rimonta dal turco Mete Gazoz col punteggio di 6-4 (26-29, 28-28, 27-26, 29-29, 29-26).

Nespoli: "Un argento conquistato"

"È stata una giornata lunghissima, è iniziata stamattina con gli ottavi di finale ho tirato come so fare dall'inizio alla fine, qualche errore c'è stato, l'emozione è stata tanta, ma scontro dopo scontro, sono riuscito a ritrovare me stesso, più confidenza con questo palcoscenico che ho lottato tanto per aggiungere e sono veramente contento di questo risultato. L'ho guardata la medaglia, me la sono gustata, è stata una medaglia vinta, non è un oro perso ma un argento conquistato, sono molto contento per come ho tirato e per come ho saputo gestire le emozioni". Queste le dichiarazioni ''a caldo'' di Mauro Nespoli, dopo aver conquistato la medaglia d'argento nel tiro con l'arco individuale maschile ai Giochi di Tokyo 2020.

"Questo ripaga di tutti i sacrifici fatti in questi 24 anni ed è un trampolino per poter continuare. A Pechino c'è stato l'argento, a Londra l'oro, poi c'è stata una pausa per capire e ora ancora un argento individuale. Il prossimo step è Parigi, è solo tra tre anni, e poi dopo il risultato di Aldo Montano l'altro giorno..., credo non ci sia un limite di età per il tiro con l'arco, e a questo punto andiamo avanti. In Australia non ci sono mai stato, è il 2032, è ancora molto lontano, iniziamo una freccia alla volta", ha aggiunto Nespoli guardando già al futuro.

"La medaglia di Lucilla Boari è stata importantissima per lei e il movimento, ero sugli spalti e guardavo e assaporavo di riflesso la tensione di oggi e quando lei è salita sul podio ha alleggerito di molto questo senso di responsabilità di portavoce dell'Italia del tiro con l'arco e mi ha permesso di affrontare gli scontri con maggiore lucidità", ha aggiunto Nespoli. "Dietro la Corea c'è l'italia? Con due medaglie siamo stati molto bravi, l'Italia credo possa anche andare davanti, si possono battere tutti, ce ne dobbiamo convincere. Qua sono stati quasi perfetti ma questa medaglia che non hanno vinto deve aprire lo spiraglio. Ulteriore salto di qualità? Se lo sapessi...loro sono veramente forti, hanno un livello medio molto alto e questo li aiuta anche negli allenamenti. Ci sono frecce che escono per sbavature, emozione, calo di attenzione, loro sono abituati tutti i giorni a questo livello".

Il coach: "Medaglia vinta con grande lavoro"

"Tutti gli atleti di alto livello puntano al podio in queste competizioni, la tensione era palpabile ma è anche quella cosa che ti aiuta a stare molto attento a quello che fai. Se la gestisci bene arrivi fino in fondo e Mauro lo ha fatto. A chi dice che abbiamo perso l'oro, io dico che ogni medaglia viene vinta, anche l'argento è stato vinto con estrema soddisfazione e grande lavoro". Lo ha detto Matteo Bisiani, coach della Nazionale Olimpica maschile di tiro con l'arco sull'argento vinto da Mauro Nespoli nel torneo individuale alle Olimpiadi di Tokyo 2020.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mauro Nespoli conquista l'argento nel tiro con l'arco

Today è in caricamento