rotate-mobile
Sabato, 29 Gennaio 2022
Serie A

Serie A, ultime dai campi e probabili formazioni della 19^ giornata

Inizia il girone di ritorno. Domenica pomeriggio sfide interessanti come Parma-Juve e Catania-Roma

Domani si riparte con il girone di ritorno per la Serie A. Subito in campo alla 18.00 con l'anticipo del sabato tra Bologna e Chievo Verona. In serata alle 20.45 invece potremo seguire Inter-Pescara. La squadra di Stramaccioni trova un Pescara che sta risalendo la classifica. Domenica per il calcio aperitivo alle 12.30 questa volta tocca a Torino-Siena giocarsela.

Alle 15.00 come sempre arriva il grosso della compagnia e giocheranno: Cagliari-Genoa, Catania-Roma, Lazio-Atalanta, Napoli-Palermo, Parma-Juventus, Udinese-Fiorentina e a chiudere alle 20.45 Sampdoria-Milan. In questo turno sarà importante vedere se anche la Roma, dopo la sconfitta di Napoli, ha imparato la lezione degli equilibri tattici. Mentre la sfida a distanza tra Napoli e Juventus vede favorita la squadra di Mazzarri che gioca in casa contro un Palermo in cerca di punti, ma il Parma per la squadra di Conte è un cliente difficile.

BOLOGNA-CHIEVO - La prima giornata di ritorno si riapre dal Dall'Ara di Bologna, dove va in scena uno scontro salvezza importante soprattutto per i rossoblu, che hanno solo due punti di vantaggio sul terzultimo posto, che non per i clivensi, attestati ad un molto più tranquillo +8 dopo i quattro successi nelle ultime cinque gare e l'efficacia della cura Corini.

INTER-PESCARA - L'Inter riparte dalla sfida del Meazza contro il Pescara per dimenticare il prima possibile le difficoltà e gli stenti delle ultime giornate, con le sconfitte arrivate con Lazio ed Udinese e l'unico punto giunto dopo un deludente pareggio con il pericolante Genoa. Dall'altra parte arriva un Pescara galvanizzato dagli ultimi due successi (2-1 contro il Catania prima di Natale e lo sorprendente 0-2 di Firenze di sei giorni fa) e da 9 punti nelle ultime quattro gare, contro i soli 4 dei milanesi.

TORINO-SIENA - Il lunch-time match della prima di ritorno vede andare in scena un altro dei tre scontri diretti per la salvezza di questa giornata. All'Olimpico di Torino arriva il Siena fanalino di coda, che dopo le ultime cinque sconfitte consecutive ha visto fuggire la quartultima in classifica e la conseguente quota salvezza a sei punti di distanza, mentre il Toro è nel mucchione a quota 20 e vuole tornare a scalare posizioni dopo essere stato riagganciato sette giorni fa da Pescara e Sampdoria.

CAGLIARI-GENOA - Dopo la sfida di ieri tra Bologna e Chievo e quella delle 12.30 tra Torino e Siena, va in scena anche il terzo scontro diretto per la salvezza di giornata: il Cagliari ha l'occasione di ri-scavalcare il Genoa, dopo che con la vittoria di settimana scorsa i liguri avevano sopravanzato i sardi spedendoli in zona retrocessione al terzultimo posto. Il Cagliari ritrova Is Arenas dopo l'esilio a Parma ma deve fermare una striscia negativa di sei sconfitte consecutive (ultimo punto il 2-2 con l'Inter).

CATANIA-ROMA - Da qualche anno a Catania la partita contro la Roma non è un match come gli altri: risale tutto a quel famoso 7-0 del novembre 2006 con cui i giallorossi di Spalletti seppellirono i siciliani, che si offesero per l'eccessivo impegno e la mancata ''pietà'' della Roma nel secondo tempo a partita già decisa. Oggi il Catania vuole vincere anche per tornare a -3 dalla Roma e continuare a sognare addirittura un piazzamento europeo, speranza lievemente smorzata dopo l'ultimo 0-0 interno col Torino.

LAZIO-ATALANTA - La Lazio comincia il girone di ritorno da seconda in classifica in solitaria e con un ritardo di soli cinque punti dalla Juventus capolista. Sono ben pochi quelli ceh l'avrebbero detto la scorsa estate, quando l'arrivo di Petkovic e le prime amichevoli furono accolte da mugugni e molta diffidenza. Ora i biancocelesti sono la seconda forza del campionato e puntano a mantenere il passo della Juve, nella speranza che da febbraio i torinesi possano perdere energie in Champions League.

PARMA-JUVENTUS - La Juventus non ha cominciato bene il 2013, perdendo in casa per 1-2 contro la Sampdoria, e allora per riprendere la propria marcia torna sul campo dove aveva colto l'ultimo successo del 2012. Allora si giocava in campo neutro contro il Cagliari, quest'oggi invece la squadra di Conte viene al Tardini a giocare una difficile trasferta contro l'ottimo Parma di Donadoni, che col successo in extremis di sette giorni fa ha confermato il suo ottavo posto in classifica, a -3 dall'Europa.

UDINESE-FIORENTINA - La Fiorentina di Montella riparte dal Friuli per ridare slancio alla sua rincorsa Champions dopo il clamoroso scivolone interno contro il Pescara, dove gli attaccanti viola si sono imbattuti in un muro umano come Perin, autore di 15 parate su 15 tiri in porta. Però la trasferta ad Udine (dove comunque i toscani hanno già vinto 0-1 in Coppa Italia) non è delle più facili, considerando che l'Udinese ha perso in casa solo una gara su nove in questo campionato ed arriva dal secco 3-0 sull'Inter.

SAMPDORIA-MILAN - Dopo la sorprendente vittoria arrivata allo Juventus Stadium, che ha consentito ai blucerchiati di diventare solo la seconda squadra ad uscire vittoriosa dal nuovo stadio bianconero dopo l'Inter di Stramaccioni, la Sampdoria cerca di stupire ancora e di compiere un altro sgambetto ad una grande: a Genova arriva il Milan, già sconfitto 0-1 all'andata, ma rispetto ad allora la squadra rossonera sembra fatta di tutt'altra pasta.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Serie A, ultime dai campi e probabili formazioni della 19^ giornata

Today è in caricamento