rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
Serie A / Italia

Punto Serie A, risultati e classifica della 30^ giornata

La Juve batte il Napoli e accorcia la distanza dal Milan. Roma e Inter rientrano nella corsa Champions

La Domenica delle Palme calcistica regala emozioni, polemiche, episodi da moviola e gol a volontà. Però in tutto questo mix la 30^ giornata di campionato ci dice una cosa: la tanto bistrattatta Serie A è l'unico torneo equilibrato nella lotta Scudetto, Champions, Europa League e retrocessione. La Juventus, nel posticipo, batte il Napoli con un secco 3-0 e rosicchia due punti al Milan, che sabato aveva pareggiato per 1 a 1 a Catania con tanto di gol fantasma di Robinho. La distanza tra la capolista e la seconda, a 8 giornate dal termine, si assottiglia a due punti. Nel pomeriggio, l'Inter dell'esordiente Stramaccioni aveva battuto 5-4 il Genoa, in un match con ben quattro rigori. L'Inter rientra nella corsa Champions complice anche lo stop dell'Udinese, sconfitta a Siena, che non ha approfittato, così come il Napoli, del ko della Lazio a Parma che perde per 3 a 1 grazie ad un super Giovinco.

 
La 30/a giornata di campionato si segnala per il record stagionale di gol eguagliato: 35, come nella seconda giornata (la prima effettivamente giocata, a causa dello sciopero dei giocatori nel turno precedente). Allo Juventus Stadium, la prima 'finale' tra Juventus e Napoli va ai bianconeri, grazie al dominio di gioco, alla disposizione in campo e alla grinta trasmessa da Conte. La vittoria è maturata nella ripresa, dopo un primo tempo più equilibrato. Dopo il gol di Bonucci il Napoli ha accennato una reazione ma è stato gelato da una prodezza di Vidal, che si è inventato un dribbling stretto sudamericano e poi ha trafitto de Sanctis con un diagonale sinistro imparabile. Nel finale, la vendetta dell'ex: su assist di Del Piero ha segnato Quagliarella. Al Meazza, la prima sulla panchina nerazzurra del 35enne ex tecnico della Primavera vede una vittoria in goleada, grazie alla quale l'Inter sale al 7/o posto, a 44 punti, scavalcando il Catania. Nel primo tempo, i padroni di casa vanno sul 3-0, con doppietta di Milito e gol di Samuel; poi i rossoblù accorciano con Moretti. Nella ripresa, al rigore di Palacio per il Genoa risponde Zarate, al primo gol stagionale. Poi, è la saga dei rigori: prima Gilardino per i rossoblù, poi Milito (che fa così tripletta), quindi ancora Gilardino. 
 
Nel match dell'ora di pranzo, il Novara passa in vantaggio con Caracciolo, poi la Roma dilaga, segnando con Marquinho, Osvaldo e Bojan. Accorcia le distanze Morimoto, poi Lamela, in pieno recupero, fissa il risultato sul 5-2. I giallorossi salgono al 6/o posto, a 47 punti, uno in meno dell'Udinese. I friulani subiscono un'altra battuta d'arresto: sconfitti a Siena con il minino scarto (gol di Destro), restano al 4/o posto, a 48 punti, alla pari con il Napoli. Altro, pesante ko della Fiorentina, battuta in casa per 2-1 dal Chievo: al gol di Pellissier per i veneti risponde Ljajic, ma il pari è solo temporaneo. Nel finale, Rigoni segna e inguaia i viola, ora quartultimi a quota 33. La situazione della Fiorentina sarebbe stata ancora peggiore se il Lecce avesse vinto: ma i pugliesi, contro il fanalino di coda Cesena, non sono riusciti ad andare oltre lo 0-0. Il gol di Sorensen in apertura illude il Bologna al Dall'Ara: il Palermo, sfatando il tabù della trasferta, si riprende e segna tre gol. Completa il quadro del pomeriggio domenicale la vittoria per 2-0 del Cagliari sull' Atalanta, che viene così raggiunta dai sardi a 37 punti (ma i lombardi hanno 6 punti di penalizzazione). 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Punto Serie A, risultati e classifica della 30^ giornata

Today è in caricamento