Venerdì, 24 Settembre 2021
IL RITIRO DEL GRANDE CAMPIONE

MotoGp, l'addio di Rossi: la storia (in)finita di una leggenda

Il campione di Tavullia si ritirerà dalla MotoGp. A fine stagione la sua incredibile carriera entrerà ufficialmente nella Leggenda della MotoGp

Valentino Rossi si ritira dal Motomondiale. La decisione è stata comunicata oggi, in una conferenza stampa indetta prima del Gran Premio di Stiria. A 42 anni un Rossi sorridente si arrende al tempo, un rivale contro il quale è impossibile andare più veloce. Lo stesso avversario che tante volte aveva fermato, firmando giri incredibili e coronando incredibili rimonte.

Dentro ai tifosi di Vale e in tutti gli amanti del Motomondiale resterà per sempre l’eco di quanto fatto per il motociclismo. Per entrare nella leggenda ha dovuto disputare più di 400 gare (423 sinora), vincendone 115. Sul podio è salito 235 volte, ha ottenuto 65 pole position e ha centrato 96 giri veloci.

Grazie a questi 'numeri' è riuscito a vincere nove campionati mondiali, cinque consecutivi tra il 2001 e il 2005. Rossi, inoltre, è l'unico pilota nella storia del motomondiale ad aver vinto il titolo in quattro classi differenti: 1 in 125 (1997, Aprilia), 1 in 250 (1999, Aprilia), 1 in 500 (2001, Honda) e 6 in MotoGp (2002,2003 HOnda,2004,2005, 2007,2008, Yamaha).

Valentino Rossi ricorda la vittoria più bella

Nell’immaginario di tutti Valentino resterà quello che correva in sella alla Yamaha. Alla fine del 2003 decise di lasciare la Honda con cui aveva dominato un’intera stagione per accettare la scommessa della casa di Iwata. Lasciò la casa dell’Ala d’Oro, che nell’annata precedente aveva vinto 15 gare su 16, per andare alla Yamaha.

La vittoria, come nelle favole più belle, arrivò fin dalla prima gara, in Sudafrica, dove riuscì ad avere la meglio sul suo rivale per antonomasia, Max Biaggi, dopo un accesissimo duello fino alla bandiera a scacchi.  

Il Motociclismo proprio grazie all’esplosione del talento di Tavullia e alle rivalità che ha avuto negli anni di carriera, è diventato sempre più popolare. I duelli con Biaggi, Melandri, Gibernau, Stoner, Lorenzo, Marquez hanno fatto decollare uno sport che in precedenza era decisamente meno popolare.

Molti tifosi conquistati da Valentino sono diventati e resteranno tifosi della MotoGp e nel tempo continueranno a seguirlo, anche attraverso le imprese dei piloti del team VR46 e della VR46 Academy.

 Dal 1996 a oggi Valentino Rossi è stato capace di conquistare fan ai 4 angoli del globo. Il numero 46 è diventato un marchio iconico: impossibile non vedere quel numero e non pensare al pilota di Tavullia.

Tutto grazie alla grande passione di papà Graziano. A due anni e mezzo gli regalò un motorino con le rotelle: il piccolo Vale volle toglierle quasi subito e per fortuna Mamma Stefania fu d’accordo. Il resto è nella Leggenda del Motociclismo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

MotoGp, l'addio di Rossi: la storia (in)finita di una leggenda

Today è in caricamento