rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
Champions League

Champions League, ecco le possibili avversarie di Juventus e Milan

Torna la Coppa più amata, il vero e proprio campionato d'Europa. Al quale l'Italia partecipa da comprimaria. Domani a Montecarlo, dalle ore 17,45, dal Chelsea detentore del trofeo al Barcellona, ma anche Juventus e Milan le uniche due di A rimaste

Per la prima volta dal 1999, ossia la data alla quale l'Uefa ha ammesso più di due squadre per i principali paesi europei nella sua competizione regina, l'Italia è al via con solo due formazioni, dopo l'eliminazione ai play-off dell'Udinese ieri sera. I rossoneri, teste di serie, hanno maggiori chances di figurare in un gruppo abbordabile rispetto ai bianconeri, in terza fascia: dazio pesante, da parte dei bianconeri, alla lunga assenza dall'Europa, legata a Calciopoli. Nel corso della cerimonia per la Champions League, l'Uefa eleggerà anche il "miglior giocatore dell'anno in Europa". Infine, sempre a Montecarlo, si diputerà venerdì la Supercoppa europea fra Chelsea ed Atletico Madrid (ore 20,45), rispettivamente vincente dell'ultima edizione di Champions League ed Europa League. 
 
In Champions League, come di consueto, le 32 qualificate (le ultime cinque saranno note stasera dopo gli ultimi ritorni delle gare di play-off), verranno divise in otto gironi da quattro squadre. Passano agli ottavi le prime due, la terza viene ripescata ai sedicesimi di finale di Europa League e l'ultima è definitivamente eliminata. Le date delle gare (andata e ritorno) sono 18-19 settembre, 2-3 e 23-24 ottobre, 6-7 e 20-21 novembre ed infine 4-5 dicembre. Per comporre i gruppi, l'Uefa dividerà le squadre in quattro fasce di "merito", a seconda dei coefficienti europei, basati sui risultati ottenuti nelle competizioni continentali negli ultimi cinque anni. Vietato per due formazioni dello stesso paese figurare nel medesimo gruppo. Le fasce, in particolare le ultime due, possono ancora subire cambiamenti in funzione dell'esito delle gare di stasera.
 
Il Milan è comunque sicuro di far parte delle teste di serie, mentre la Juventus figurerà nel terzo cappello. I rossoneri sono quindi certi di evitare Chelsea, Barcellona, Manchester United, Real Madrid, Arsenal e Porto. Con molta sfortuna, potrebbero ritrovarsi in un girone di ferro, assieme, ad esempio, al Manchester City di Roberto Mancini, al Paris Saint-Germain di Carlo Ancelotti (nonchè di Ibrahimovic e Thiago Silva) ed ai campioni di Germania del Borussia Dortmund. Decisamente più morbido sarebbe invece un raggruppamento con il Braga, l'Anderlecht ed il Nordsjaelland. Di media difficoltà un girone con Valencia, Olympiakos e Bate Borisov. 
 
Per la Juve la certezza di affrontare una grande d'Europa. Porto e Arsenal sono le teste di serie meno temibili. I bianconeri potrebbero però ritrovarsi in un girone difficilissimo con Barcellona, City e Borussia Dortmund. Uno meno impressionante potrebbe essere col Porto, lo Zenit e la Dinamo Zagabria. Di media difficoltà un raggruppamento con Manchester United, Shakhtar Donetsk e Montpellier. Da segnalare ancora la forte presenza di tecnici italiani, con, oltre a Carrera e Allegri, la presenza fra i top clubs di Roberto Di Matteo (Chelsea, detentore del trofeo), Roberto Mancini (Manchester City), Carlo Ancelotti (Paris Saint-Germain) e Luciano Spalletti (Zenit San Pietroburgo).
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Champions League, ecco le possibili avversarie di Juventus e Milan

Today è in caricamento