rotate-mobile
Mercoledì, 1 Febbraio 2023
COPPA DAVIS

Coppa Davis, il miracolo dell'Italia si ferma in semifinale: in finale va il Canada

Dopo la vittoria di Sonego e la sconfitta di Musetti il doppio è decisivo. Fognini e Berrettini, al posto dell'infortunato Bolelli, costretti alla resa dal duo Pospisil-Aliassime

La corsa dell'Italia verso la conquista della Coppa Davis si ferma in semifinale. Oggi, sabato 26 novembre, gli azzurri di capitan Volandri hanno lottato al massimo delle loro forze contro il Canada. Alla fine, purtroppo, dopo una maratona iniziata alle ore 13, dopo 2 singolari e un doppio, i nostri sono stati costretti a rinunciare al sogno di giocare la finale, domani, domenica 27 novembre, contro l'Australia.

La giornata si era aperta con una nuova grande impresa di Lorenzo Sonego che, dopo aver battuto nei quarti lo statunitense Frances Tiafoe, offriva un'altra super prestazione. In 3 ore e 15 minuti di gioco il tennista torinese superava Denis Shapovalov con il punteggio di 7-6, 6-7, 6-4. Sonny, richiamato dalle vacanze per sostituire gli infortunati Sinner e Berrettini, ha dimostrato di essere all'altezza della Nazionale, diventando la nota lieta di queste Finals di Coppa Davis a Malaga.

Lorenzo Musetti, che si è trovato ad avere l'onere di essere il numero 1 italiano, ha nuovamente giocato bene, anche se ha subito un'altra sconfitta da un top-ten. Dopo aver perso nei quarti contro lo statunitense Taylor Fritz, oggi è stato battuto da Felix Auger-Aliassime, il numero 6 del mondo con il punteggio di 6-3, 6-4.

La sfida tra Italia e Canada si è così decisa con il doppio, affrontato con l'handicap di aver dovuto pagare un altro pesante dazio alla sfortuna. Simone Bolelli, il compagno abituale di Fognini nel circuito, non ha potuto prendere parte alla sfida decisiva, a causa del riacutizzarsi di un infortunio al polpaccio. Al suo posto, a sorpresa, è sceso in campo Matteo Berrettini. Il campione romano, che non giocava da due mesi ed era presente solo per sostenere i compagni, ha onorato al meglio delle sue possibilità l'impegno. Fognini e Berrettini, però, si sono dovuti arrendere a Pospisil a Felix Auger Aliassime, vero uomo in più nel Canada. 

L'Italia di capitan Filippo Volandri, condizionata in questa fase finale della competizione dalle assenze di Sinner e dalle condizioni precarie di Berrettini, lascia Malaga a testa altissima e con la convinzione di essere in credito con la fortuna nella lotta per la Coppa Davis nei prossimi anni.

Italia, il sogno Coppa Davis non è finito: è solo rimandato 


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coppa Davis, il miracolo dell'Italia si ferma in semifinale: in finale va il Canada

Today è in caricamento