Domenica, 28 Febbraio 2021

Tour de France 2018, la quiete prima della tempesta: come stanno i favoriti?

Prima settimana dura ma senza scossoni. Unica certezza: la maglia gialla resterà sulle spalle di Van Avermaet ancora per poco. Ora, dopo il giorno di riposo, si inizia a fare sul serio

Spettacolo sul pavè al Tour 2018 - ANSA EPA/KIM LUDBROOK

Un giorno di riposo, meritato. Perché la prima settimana del Tour de France 2018 è stata sfiancante per i corridori: 9 tappe, che hanno già permesso di delineare un borsino aggiornato dei favoriti per la vittoria finale.

Froome, Quintana e Nibali sono in buona forma e in grado di dire la loro. Quintana paga una foratura a inizio Tour, ma ha saputo riprendersi e sembra più convinto che in alcune edizioni passate, quando la pressione l'ha schiacciato. Nibali non può contare che su stesso, non ha compagni in grado di stare con lui quando si inizia a salire per davvero, ma forse lo squalo avrebbe firmato per avere meno di due minuti di ritardo dalla maglia gialla a questo punto.

E poi c'è lui, Chris Froome: la caduta della prima tappa è stata solo un piccolo incidente di percorso. Concentratissimo, come al Giro d'Italia ha programmato tutto per entrare al top della forma quando conta. E il suo team Sky non ha punti deboli: favorito? No, favoritissimo. 

Merita un applauso anche Romain Bardet, beniamino di casa. Il corridore dell'AG2R tra cadute e forature ha fatto il pieno di sfortuna. In salita però un suo acuto se lo attendono in tanti. E se lo merita. 

Unica certezza: la maglia gialla resterà sulle spalle di Greg Van Avermaet ancora per poco. Ora si inizia a fare sul serio.

Tour de France 2018, tutte le tappe: percorso e altimetria

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tour de France 2018, la quiete prima della tempesta: come stanno i favoriti?

Today è in caricamento