Venerdì, 17 Settembre 2021
Animali

Parlare il "gattese" si può: un libro insegna a comunicare con i gatti

I gatti emettono 16 differenti tipo di "miao" quando sono insieme agli umani

I gatti parlano e un libro insegna a capirli. Il dottor Gary Weitzman, presidente e ceo della San Diego Humane Society e SPCA, ha firmato un libro per il National Geographic dal titolo “Come parlare il ‘gattese’”.

I gatti producono circa 16 differenti “miao”, solo e soltanto in presenza di umani intorno a loro, perché i nostri amici felini sono così intelligenti da aver capito che possono ottenere qualcosa se “parlano”, sostiene la dottoressa Bonnie Beaver dell’American College of Veterinary Behaviorists e professore alla Texas A&M University’s College of Veterinary Medicine, nonché autrice di un libro sul comportamento felino.

Ma come comunicano i gatti? Ecco un piccolo elenco stilato dal dottor Weitzman:

  1. Un leggero battito di ciglia è come fare un occhiolino
  2. Stendere la goda verso l’alto equivale a una stretta di mano
  3. Se tiene le orecchie basse è meglio non avvicinarsi perché è spaventato o sta per attaccare qualcuno
  4. Se i baffi sono distesi, allora il gatto è calmo e socievole
  5. Quando vi toccano con la testa stanno esprimendo il loro affetto

Tra i lettori del libro c’è chi non ha resisto ed ha subito fatto una prova. “Mi sono seduta e guardato il mio gatto sbattendo gli occhi e lui mi ha imitato. So che mi vuole bene, ma ora mi sembra di capire ancora meglio il suo comportamento”, ha raccontato la signora Susan McMinn di Tryon, nel North Carolina. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parlare il "gattese" si può: un libro insegna a comunicare con i gatti

Today è in caricamento