Martedì, 27 Luglio 2021
Metodi drastici / Ucraina

Coppia si ammanetta per 3 mesi per salvare la relazione (e poi si molla subito dopo)

I due hanno condiviso proprio tutto: dalle "sedute" in bagno al lavoro. Dopo tre mesi non ne potevano più: la mancanza assoluta di privacy è stata un ostacolo insormontabile

Una delle foto postate dalla coppia su Instagram

È sempre triste ammettere che le cose non sono più come prima con la propria dolce metà, e che forse è arrivato il momento di lasciarsi. Un passaggio doloroso che non sempre ci si sente di affrontare, ragion per cui sono molte le coppie che "tirano a campare" senza più la scintilla che le teneva unite. Certo, non è detto che sia sempre tutto perduto: si può provare a salvare la relazione cambiando stile di vita, imparando ad ascoltare di più l'altra persona, e poi c'è sempre la terapia di coppia. Questi due fidanzati hanno cercato di salvare la loro storia con un metodo decisamente estremo: ammanettandosi per tre mesi e condividendo tutto. Avete capito bene, proprio tutto: dalle "sedute" in bagno alla spesa. Lavoro compreso: lei ha seguito lui per tutto il tempo, mentre il ragazzo vendeva auto, ma lei ha dovuto lasciare il suo lavoro di estetista perché le clienti non gradivano la presenza del fidanzato.

Ha funzionato? Nemmeno un po'. Dopo questi tre mesi, una volta tolte le manette, i due si sono immediatamente lasciati.

Alexander Kudlay, 33 anni, e Viktoria Pustovitova, 29, di Kharkiv (Ucraina) hanno speso 123 giorni letteralmente legati insieme, per poi ammettere che il metodo non ha funzionato. Ma almeno è servito per chiarirsi le idee e prendere una decisione definitiva: i due, che si sono liberati con l'aiuto di una pinza gigante, di fronte al monumento Kyiv at the Unity dove si erano ammanettati tre mesi prima, hanno ammesso che non vedevano l'ora di prendere ognuno la propria strada.

"Voglio vivere la mia vita da donna indipendente, sono finalmente libera" ha detto Viktoria, che ha urlato "Urrà!" quando le manette si sono spezzate.

L'esperimento dei due ragazzi ammanettati è stato pubblicato su Instagram e dunque è diventato presto virale: "Grazie a tutti per il supporto - ha detto lui - eravamo e siamo contenti di aver fatto questa esperienza". 

Non sorprende sapere che, secondo la coppia, a dare il colpo di grazia alla relazione è stata proprio la totale mancanza di privacy. Se l'esperimento avesse funzionato, i due si sarebbero sposati. E invece è andato tutto a monte.

Lo si è capito, tra l'altro, quando lui - dopo una lite di ben quattro ore - ha postato su Instagram: "Abbiamo bisogno di ricominciare. Quando andiamo a fare acquisti usciamo felici e contenti, e torniamo a casa come limoni spremuti. Abbiamo bisogno di rilassarci in mezzo alla folla, lasciandoci andare. È complicato, siamo ai ferri corti".

Anche Viktoria ha ammesso che non è stato facile: "Ero e sono nervosa, e probabilmente rimarrò nervosa. Sì, ci sono stati momenti in cui volevo aprire le manette. Ma poi il tempo è passato, mi sono calmata".

All'inizio dell'esperimento, i ragazzi hanno chiarito che in questo modo speravano di trovare la tecnica per passare sopra i loro continui litigi senza che uno dei due se ne andasse. Per facilitare il tutto, hanno indossato vestiti con bottoni e cerniere "extra" in modo da potersi vestire e svestire più facilmente, anche ammanettati.

Il 19 maggio, hanno annunciato di aver superato il record della coppia più "unita" (in senso fisico, ovviamente) del mondo. E adesso che sono famosi e finalmente liberi, i pretendenti accumulati in questi mesi sui social possono farsi avanti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coppia si ammanetta per 3 mesi per salvare la relazione (e poi si molla subito dopo)

Today è in caricamento