rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Storie

Il morto che torna a casa vivo dopo il suo funerale

Il protagonista di questa bizzarra vicenda a lieto fine è Kerala, Mohhamed Haris, un indiano di 22 anni

E' proprio il caso di parlare di un miracolo:  Mohammad Haris “resuscita” dopo il suo funerale tenutosi dieci giorni prima in Kerala (a sud dell' India).

Ne parla oggi pubblicamente il giornale “The Times of India”. Il ragazzo 22enne, originario di Eswaramangalam (Kerala), si era recato per cercare lavoro a Chennai, ma era misteriosamente scomparso dalla sua stanza di albergo.

Nessuna risposta al cellulare, nessun segno di vita e la disperazione si è fatta largo facilmente nelle menti dei genitori, tanto da farli arrivare a credere che fosse morto.
Così dopo il ritrovamento di un cadavere in uno dei numerosi canali fluviali del Kerala, i genitori lo hanno subito identificato come il loro figlioletto disperso, Haris.

Ad avvalorare il loro sospetto, una strana coincidenza: quel cadavere indossava gli stessi indumenti di Mohammad il giorno della sua partenza ed oltretutto aveva la sua stessa cicatrice sulla gamba.

Dopo il recupero del corpo da parte della polizia, i genitori hanno deciso di dare una degna sepoltura a loro figlio optando per la sua cremazione il 24 gennaio.

Fin qui niente di strano, se non fosse che dopo dieci giorni Haris Mohammad torna a casa dai suoi familiari. Infatti, per non si sa ancora quali strane circostanze, il ragazzo aveva lasciato la sua camera d'albergo per spostarsi a casa dei suoi parenti a Bangalore non avendo prima l'accortezza di avvertire i genitori.
Così i lontani parenti,appena appresa la notizia dai quotidiani locali, hanno subito provveduto a chiamare la famiglia del ragazzo per tranquillizzarli.

Gallery

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il morto che torna a casa vivo dopo il suo funerale

Today è in caricamento