Domenica, 25 Luglio 2021
App e smartphone / Iran

Arriva "Hamdam", il Tinder islamico che prima fa conoscere le famiglie con un consulente

Dopo il match, la app mette in contatto i futuri sposi con un consulente per far incontrare le famiglie e per seguirli dopo il matrimonio

In Iran arriva un'app di "appuntamenti" concepita per il mondo islamico, e serve a "incoraggiare il matrimonio". 

La app si chiama "Hamdam" che in farsi vuol dire "compagno di vita" e permette agli utenti di "cercare e scegliere il proprio coniuge": questo è quanto si apprende da Al Jazeera. L'annuncio è arrivato lunedì 12 luglio dalla tv di stato iraniana.

"Hamdam" è l'unica app di questo genere legale all'interno della Repubblica Islamica: il governo, per voce di Ali Mohammad Rajabi, capo della polizia incaricata di controllare il web, ha infatti fatto sapere che tutte le altre app per incontri sono illegali. È stata paragonata a Tinder, ma ovviamente è un confronto improprio: la app, sviluppata dal Tebyan Cultural Institute, parte della macchina di propaganda islamica iraniana, dice di usare l'intelligenza artificiale per trovare match (abbinamenti) "solo per scapoli che cercano un matrimonio permamente e un singolo consorte".

Rajabi ha fatto sapere che i valori della famiglia sono minacciati da forze esterne: "La famiglia è il bersaglio del diavolo e i nemici dell'Iran cercano di imporre le loro idee su di essa" ha detto, dicendo che la app islamica serve a creare famiglie "sane".

Il sito web di "Hamdam" specifica che gli utenti devono verificare la loro identità e passare un "test psicologico" prima di accedervi. Dopo il match, la app promette di far incontrare le famiglie dei rispettivi single in presenza di consulenti che accompagneranno il percorso della coppia per quattro anni dopo il matrimonio.

La registrazione è gratuita, e la app ha un "modello di ricavi indipendente" che però non è ancora stato specificato.

Le autorità iraniane, incluso l'Ayatollah Ali Khamenei, hanno puntato spesso il dito sul fatto che in Iran ci si sposa sempre più tardi, e che la curva della natalità è in discesa. 

A marzo, il parlamento ha approvato una legge a favore delle famiglie e dell'incremento della popolazione, e che vuole offrire incentivi finanziari consistenti a coloro che si sposano, incoraggiando le coppie ad avere più di due figli, limitando l'accesso agli aborti. La legge aspetta l'approvazione del Consiglio dei Guardiani che sta controllare sia compatibile con le regole dell'Islam e con la costituzione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arriva "Hamdam", il Tinder islamico che prima fa conoscere le famiglie con un consulente

Today è in caricamento