Lunedì, 14 Giugno 2021
Al risparmio / Regno Unito

Maniaca dello shopping di seconda mano: "In un anno ho speso mille euro anziché 17mila, da Gucci a Louis Vuitton"

Darryl dal 2019 compra solo più nei "charity shop" di Londra. Ecco cosa sono, e come si fa a risparmiare così tanto

Darryl Baker, 34 anni, di Londra, è veramente una maniaca dei "charity shop", negozi di seconda mano che ricevono abiti smessi in regalo, li rimettono a posto e li vendono a prezzi molto bassi (generalmente finanziando progetti umanitari). Tanto che è dal 2019 che racconta di non aver mai più comprato nulla di nuovo, e passa circa 12 ore la settimana alla ricerca di occasioni speciali nei suoi negozi dell'usato preferiti.

Certo, non è poco tempo: ma per una "fashion addicted" come lei ne vale la pena. Ha trovato una borsa di Marc Jacobs per 5 sterline, un vestito di Diane Von Furstenberg per 4,50 sterine, e un giubbotto jeans della Levi's per appena 4 sterline. "In totale - racconta al Sun - ho speso 900 sterline nell'ultimo anno, risparmiandone più di 15mila". Convertendo, significa che ha speso circa mille euro anziché 17mila, comprando abiti e accessori di alta moda. "Ormai non vado più nei negozi di alta moda dei quartieri bene - spiega -. D'altronde, vesto Prada con il budget di Primark, tutto grazie alla mia ossessione per i negozi dell'usato. Quello che per una persona è spazzatura, per un'altra è un tesoro, e se qualcuno non ha più bisogno dei suoi vestiti di Gucci, Burberry o Marc Jacobs, li prendo io volentieri".

Adesso Darryl è in maternità, e ha confidato di spendere almeno due ore al giorno a "rovistare" tra i prodotti dei charity shop londinesi alla ricerca delle occasioni giuste: "Ho trovato cinque giacche Burberry che nuove sarebbero costate non meno di 6mila sterline. Ho pagato in totale 225 sterline. Ho trovato una borsa di Gucci venduta generalmente per 1500 sterline a 25. È diventata una cosa compulsiva e non posso ignorare l'urgenza di andare a vedere ogni volta se c'è qualche occasione".

Ma come hanno preso i parenti di Darryl questa ossessione per lo shopping di seconda mano? "Alzano gli occhi al cielo quando mando loro le fotografie dei miei ultimi acquisti, e allora ho aperto un account Instagram per mostrare a tutti cosa compro, condividendo consigli e suggerimenti per non incappare in dei falsi. Ad esempio è molto importante prendersi il proprio tempo e osservare bene abiti e accessori per notare se c'è qualcosa che non va. E non lasciatevi ingannare dall'etichetta Made in China: non è necessariamente un fake, molti brand di alta moda producono laggiù".

Altri consigli utili? Tornare spesso nei negozi dell'usato perché aggiornano quotidianamente la merce con nuovi arrivi e pezzi unici. E cogliere l'attimo: "Le borse di Gucci non aspetteranno voi ogni volta che mettete piede in un negozio dell'usato".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maniaca dello shopping di seconda mano: "In un anno ho speso mille euro anziché 17mila, da Gucci a Louis Vuitton"

Today è in caricamento