Giovedì, 6 Maggio 2021
Sorpresa / Kazakistan

Miss Virtual Kazakistan: la finalista svela "sono un uomo, era una provocazione"

"Molte ragazze pensano che l'apparenza sia la cosa principale e che per apparire belle sia necessario un duro lavoro", ha detto Dyagilev, che ha pensato di sfatare questo luogo comune. "Con i miei amici abbiamo immaginato come anche un uomo potesse passare per una bella donna.”

La pandemia ci sta costringendo ormai da tempo a svolgere la maggior parte delle nostre attività “da remoto”, per evitare possibili contatti di persona che favoriscano il contagio. Ma in molte occasioni - è inutile negarlo - il contatto umano non può essere sostituito con la stessa efficacia da un computer e una webcam, che rendono inevitabilmente più freddi e senza feeling i rapporti interpersonali. Quante volte, prima dell’era covid, abbiamo detto “magari è meglio se ci incontriamo e ne parliamo di persona”, pensando che una telefonata o una video call non potesse avere la stessa efficacia. 

Questa storia ne è forse tra le migliori testimonianze, oltretutto perché ambientata come suol dirsi in epoca non sospetta, prima cioè che la pandemia cambiasse le nostre vite.

Come raccontato dalla Bbc una modella di 22 anni è riuscita a raggiungere la finale del concorso nazionale di Miss Virtual Kazakhstan - ed arrivare ad un passo dalla vittoria - nonostante in realtà fosse un uomo vestito e truccato per l'occasione.

Arina Aliyeva, il cui vero nome è Ilay Dyagilev, ha conquistato la partecipazione alla fase finale del concorso online grazie ai voti, oltre 2.000, ricevuti dal pubblico online che aveva votato guardando solo la sua foto.

La ammissione a questa fase ha inoltre attribuito ad Arina la corona di "Miss Virtual Shymkent", titolo regionale intitolato alla capitale della regione del Kazakistan meridionale.

Ma il suo regno è stato di breve durata dal momento che gli organizzatori hanno provveduto a squalificare Aliyeva "per aver fornito informazioni personali inaffidabili". Il titolo regionale e il diritto a partecipare alla finale nazionale del concorso di bellezza sono dunque passati di diritto ad Aikerim Temirkhanova, la seconda classificata a livello regionale.

Dyagilev, ventiduenne dal fisico androgino, ha ammesso di non essere una donna due giorni dopo aver raggiunto la finale, rivelando che il personaggio di Arina Aliyeva era frutto di un progetto ideato con il suo team di “trucco & parrucco”.

"Molte ragazze pensano che l'apparenza sia la cosa principale e che per apparire belle sia necessario un duro lavoro", ha detto Dyagilev, che ha pensato di sfatare questo luogo comune. "Con i miei amici abbiamo immaginato come anche un uomo potesse passare per una bella donna.”

"Sono entrato nel mondo della moda quando avevo 17 anni, posando come modello e ragazzo-immagine. Posso trasformarmi facilmente e con il solo l’aiuto di un fotografo, di un parrucchiere e di una truccatrice l'immagine di Arina è stata creata alla perfezione. Sono rimasto molto sorpreso quando sono arrivato in finale".

Il post Instagram di Miss Virtual Kazakhstan con le finaliste del concorso, tra cui Arina ha ottenuto oltre 2.600 like. Tutto sommato gli utenti di Instagram hanno reagito benevolmente con post che hanno definito Dyagilev come l'eccezione rispetto a "concorrenti ordinarie" e "più carina di tutte le altre ragazze". Ma, come ovvio, non sono mancate le reazioni indispettite tipo: "Questo è il modo per dar fiato a quelli che si indignano per queste cose".

Qualcun altro – più disincantato - ha più semplicemente scritto: "Penso che sia solo una trovata di marketing per far parlare di questo concorso!"

Ecco il profilo Instagram (vero) del ragazzo:

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Miss Virtual Kazakistan: la finalista svela "sono un uomo, era una provocazione"

Today è in caricamento