rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
Shock / Stati Uniti d'America

"Gesù avrebbe amato i sex worker": la modella scatena le polemiche

"Molti uomini e donne nell'industria dell'intrattenimento per adulti si sono allontanati dalla chiesa - ha detto la modella Nita Marie - a furia di essere giudicati dai cristiani. Penso che non sia questo quello che Gesù avrebbe voluto vedere"

La modella Nita Marie è fermamente convinta che la sua sessualità sia un dono divino, e hanno fatto scalpore alcune sue dichiarazioni sul tema, scatenando un vero e proprio dibattito online.

Nita, che si dice convintamente cristiana, già in passato era finita sui giornali dopo aver detto: "Ho chiesto a Dio se devo continuare a fare strip, e la risposta è sempre stata affermativa". Questa volta la modella, come riporta il Daily Star, ha aggiunto un'altra dose di pepe alle sue dichiarazioni: "Gesù avrebbe amato i sex workers (chi lavora nel settore del sesso, ndr)".

La 45enne originaria del Colorado (Usa) è convinta che Gesù non avrebbe discriminato i lavoratori del sesso, accettando e amando tutti. Ma non tutti sono d'accordo: molti altri cristiani sono intervenuti nel dibattito dicendo che lei dovrebbe vergognarsi, e accusandola di essere una sorta di truffatrice. Un commentatore ha detto: "Sta delirando! Penso che sia Satana a suggerirle queste cose". E un altro ha aggiunto, scherzando: "Guardandomi allo specchio, posso dire che Dio vuole che mi tenga i miei vestiti addosso".

La modella influencer, che ha già 953mila follower su Instagram, condivide la sua storia nella speranza di poter "mostrare che si può essere sia sensuali sia pii".

Nita guadagna 1,3 milioni di sterline all'anno con OnlyFans, piattaforma dedicata ai creator: ci si può iscrivere gratuitamente ma molti contenuti sono a pagamento. Non mancano persone che propongono contenuti sessualmente espliciti. Facilmente si può immaginare che la modella faccia parte di quest'ultima categoria. "Molti uomini e donne nell'industria dell'intrattenimento per adulti si sono allontanati dalla chiesa e dal cristianesimo - ha detto Nita Marie - a furia di essere giudicati dai cristiani. Penso che non sia questo quello che Gesù avrebbe voluto vedere. Voglio essere la voce di ogni sex worker: possiamo ancora avere un rapporto con Lui. La sessualità fa parte della mia fede, è un dono che Dio ci ha dato per fare esperienze con altre persone, quando c'è il consenso da parte di tutti".

La modella pensa che la sua missione "sacra" sia convincere le donne ad aprirsi alla sessualità: "Penso che Dio voglia che le donne si godano la loro sessualità".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Gesù avrebbe amato i sex worker": la modella scatena le polemiche

Today è in caricamento