rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Animali strani / Regno Unito

Si trova una ferita sul braccio e non sa come se l'è fatta: i medici pensano al peggio, ma era il morso di un ragno

Cinque mesi di incubo per il 26enne Carl: la sua ferita continuava a peggiorare nonostante gli antibiotici, i medici avevano anche pensato a un tumore della pelle

Tutto è partito con una strana ferita comparsa un giorno, sul braccio, senza apparenti spiegazioni: da qui per Carl Jones è iniziato un incubo che lo ha portato in giro per diversi ospedali, tra medicazioni e visite, con medici che hanno anche ipotizzato un tumore. Ma poi si è scoperto che era stata semplicemente la puntura di un ragno.

La raccapricciante storia, raccontata dal Daily Star, inizia mesi fa, con una strana e larga ferita formatasi sul braccio sinistro del 26enne Carl che vive in Inghilterra, a Milton Keynes: la ferita - che il giovane non sapeva come fosse comparsa - non si rimarginava da sola e, anzi, sembrava peggiorare, dunque il ragazzo si è recato al pronto soccorso lo scorso gennaio. I dottori gli hanno medicato e fasciato la ferita, ma le cose non sono migliorate, anzi: lo squarcio sulla pelle si è ulteriormente aperto, lasciando una chiazza maleodorante, larga quanto una moneta, piena di pus.

A questo punto, dopo parecchie settimane dalla prima visita di controllo, Carl ha iniziato a preoccuparsi seriamente ed è tornato al pronto soccorso: "Ero al lavoro - spiega - e un collega mi ha detto che avevo una brutta cera, ero pallido, sudatissimo e mi sentivo anche la febbre". Il ragazzo ha provato tre diversi tipi di antibiotici somministrati dai medici, ma ancora nessun miglioramento.

Da qui una lunga serie di analisi ed esami con gli specialisti che non escludevano niente, dalla borreliosi al cancro della pelle.

Finalmente, a giugno, dopo più di cinque mesi dall'inizio dell'incubo, Carl è stato sottoposto a una biopsia che per fortuna non ha rivelato nulla di anomalo, e a un intervento che ha rimosso con successo la parte infetta della ferita, facendola rimarginare. E qualche settimana dopo Carl ha scoperto l'origine di tutto trovando un ragno "falsa vedova" (Steatoda nobilis) in bagno.

"Sono tornato a casa dal lavoro e l'ho trovato, non avevo mai visto niente del genere. Ho cercato su internet e ho visto che c'era un incremento di avvistamenti di questi ragni nella zona di Milton Keynes. Dunque ho fatto due più due". 

Per non correre altri rischi, dopo cinque mesi da incubo, Carl ha ucciso il ragno, anche se sottolinea che normalmente preferisce lasciarli in vita e spostarli da casa. 

Le false vedove sono ragni comuni nel Regno Unito e sono velenose, anche se è difficile che mordano se non si sentono minacciate. 

Dopo questa esperienza Carl ha rivelato di non riuscire più a sopportare i ragni, e di sentirsi a disagio persino nel suo letto per paura di passare ancora un calvario simile.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si trova una ferita sul braccio e non sa come se l'è fatta: i medici pensano al peggio, ma era il morso di un ragno

Today è in caricamento