rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Storie Italia

"Quand'è che smettiamo di essere troppo giovani senza diventare automaticamente troppo vecchie?"

"Oggi, quando sei tra i 30 e i 40, sei ancora definita giovane, anche se ti senti adulta, e allo stesso tempo inizi a essere già troppo vecchia per determinate cose, ad esempio per inserirti nel mondo del lavoro. Per giunta, inizi a sentire il ticchettio dell'orologio biologico. Poi pensi ai genitori che alla tua età avevano un lavoro stabile e dei figli"

Riceviamo sempre più spesso mail di lettrici e lettori che vogliono condividere le loro storie, riflessioni ed esperienze. Nelle storie di questi lettori si riflettono tematiche  che sono anche all'attenzione del dibattito pubblico come l'identità di genere, la condizione della donna, le nuove forme di bullismo nell'ambiente digitale, le nuove opportunità di definizione del sé e degli stili di vita. Da queste lettere emerge il fatto che nessuno è solo: l'esperienza di chi ci scrive è quella quotidiana di moltissimi altri. 

Per condividere la vostra esperienza potete scriverci a lettere@today.it Le storie selezionate dalla redazione verranno pubblicate.

_____________________________________________________________________

"Mi chiamo Marika, ho 35 anni e sono attualmente disoccupata. Mi sento in un'età di mezzo, se guardo i miei genitori loro alla mia età avevano già realizzato molte cose: avevano un lavoro fisso, si potevano permettere una famiglia, avevano avuto me, cose che al giorno d'oggi per molti di noi che abbiamo passato i trenta sono un miraggio.

Vengo spesso definita una giovane donna, ma cosa vuol dire giovane? Fino a quando lo si è? E perché per alcune cose mi sento già vecchia? I cosiddetti under 35, ormai anche under 40, e a volte pure under 45 sono definiti giovani. Alla mia età i miei genitori, per non parlare dei nonni, avevano un lavoro stabile, una famiglia. Ai loro figli invece va il ruolo di eterni ragazzi. 

Dunque sono giovane, almeno così mi viene detto, ho tutta la vita davanti, non devo aver fretta. Eppure quando si tratta di cercare lavoro, sono improvvisamente già vecchia per molte mansioni, o anche solo per iniziare in un ambito nuovo. Mi sento minacciata dai 20enni, più freschi di laurea, che hanno grinta e tanta voglia di emergere. E la famiglia? Mi viene detto che oggi le donne possono aver figli tranquillamente fino a 40 anni, ma è giusto che vada così, che sia questo il modello più sano?

Siamo una generazione in bilico. Abbiamo amici con famiglia e figli, e altri della stessa età che passano le giornate davanti alla Playstation. Oggi, quando sei tra i 30 e i 40, sei ancora definita giovane, anche se ti senti adulta, e allo stesso tempo inizi a essere già troppo vecchia per determinate cose, ad esempio per inserirti nel mondo del lavoro. Per giunta, inizi a sentire il ticchettio dell'orologio biologico. E allora quand'è che smettiamo di essere troppo giovani senza diventare automaticamente troppo vecchie?".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Quand'è che smettiamo di essere troppo giovani senza diventare automaticamente troppo vecchie?"

Today è in caricamento