Mercoledì, 3 Marzo 2021

La consegna più epica di sempre: 3 ore e mezza per portare una pizza, ma ne valeva la pena 

Un 18enne che lavora in una pizzeria di Battle Creek è stato lodato per essere andato al di là dei suoi doveri, nonostante questo abbia voluto dire violare una regola del ristorane: niente consegne a domicilio

La foto della pizza postata da Julie Morgan su Facebook

Nella maggior parte dei casi in cui un cameriere disobbedisce alle regole del posto in cui lavora scatta il licenziamento o almeno una sanzione. Ma non è questo il caso. Infatti, per un 18enne che lavora da Steve's Pizza a Battle Creek, nel Michigan (Stati Uniti), le cose sono andate in un altro modo. 

Prima di raccontare cosa abbia fatto il giovane è necessaria una piccola parentesi su Julie e Rich Morgan, una coppia che 25 anni fa abitava proprio nella cittadina del Michigan. I due sono sempre stati dei fedelissimi clienti di Steve's, che per loro è sempre stata la migliore pizzeria della zona: “Non abbiamo mai trovato una pizza migliore – ha scritto la donna su Facebook – quando io e mio marito ne abbiamo assaggiate altre il commento è stato sempre lo stesso: buona ma non come quella di Steve”.

Dopo aver lasciato la loro casa nel Michigan, la coppia non ha potuto più assaporare la pizza di Steve. Così, per festeggiare il compleanno di Rich, i due avevano organizzato una vacanza a Battle Creek, ma proprio mentre la data della partenza si stava avvicinando, all'uomo è stata diagnosticata una forma di cancro che lo ha costretto al ricovero in ospedale. Una brutta notizia che voleva dire anche niente vacanza a Battle Creek e niente pizza da Steve.

Qui entra in gioco il padre di Julie che, all'insaputa della coppia, ha chiamato Steve's Pizza nella speranza di ricevere una lettera o una telefonata da parte del ristorante, ma il destino ha voluto che a rispondere al telefono non fosse il manager dell'esercizio, ma il 18enne Dalton Shaffer.

Dopo aver ascoltato la triste storia della coppia il giovane ha chiesto quali fossero le loro pizze preferite, nonostante il padre di Julie avesse sottolineato che i due si trovassero ad Indianapolis, a circa 225 miglia da Battle Creek. Nonostante la grande distanza e la regola del ristorante che vieta le consegne a domicilio, il giovane Dalton ha comunque deciso di consegnare le due pizze ai peperoni una volta chiuso il ristorante.

Così il 18enne è rimasto fedele alla parola data e dopo tre ore e mezza di strada, è riuscito a consegnare le pizze a casa Morgan.
La bella storia è stata raccontata da Julie in un lungo post pubblicato sul suo profilo Facebook: “Mentre io e Rich dormivano, intorno alle 2.30 del mattino, Dalton è entrato nel nostro vialetto e consegnato le due pizze speciali. Mio padre gli ha chiesto se avesse voluto fermarsi a dormire in un hotel dopo aver guidato così tanto, ma il giovane si è rifiutato, dicendo che avrebbe dovuto fare ritorno a casa”.

La coppia ha voluto ringraziare il giovane postando sui social la foto della pizza: “Siamo stati sopraffatti da questo atto di genuina gentilezza. Oltre alla pizza migliore del mondo, Dalton ci ha portato un'immensa gioia in un momento davvero difficile”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La consegna più epica di sempre: 3 ore e mezza per portare una pizza, ma ne valeva la pena 

Today è in caricamento