rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cloud fisco

"Cloud fisco": sinergia tra Erario e Inps per combattere l'evasione fiscale

Un sistema di comunicazione in tempo reale tra Agenzia delle Entrate e istituto di previdenza permetterebbe quella semplificazione digitale necessaria, sulla quale si sta spendendo il Governo

Per ora si tratta solo di una proposta, ma i benifici potrebbero essere numerosi, anche in chiave lotta all'evasione fiscale. Vincenzo Caridi, dirigente dell'Inps, ha illustrato, in audizione alla commissione parlamentare di vigilanza sull'Anagrafe tributaria, la possibile sinergia tra istituto e Agenzia delle Entrate per l'istituzione di un "cloud fisco", che "porterebbe a una semplificazione operativa ormai assolutamente necessaria, prevista nella moderna digitalizzazione e che già il Governo pensa di attuare attivamente per la pubblica amministrazione".

Inps e Agenzia delle Entrate connesse in tempo reale

L'idea è quella di sviluppare un sistema di comunicazione tra i due enti che sia in real time per ottimizzare tutti i processi comunicativi oggi in uso attraverso un unico e semplice canale di trasferimento. "In uno scenario sempre più complesso, - ha spiegato Caridi - e difficile da sciogliere, l’Inps vorrebbe avviare un progetto di evoluzione tecnologica per consentire un importante passo avanti per l’integrazione delle informazioni della pubblica amministrazione", spiegando che con la creazione di una piattaforma basata sulla condivisione in tempo reale i dati sarebbero attualizzati in tempo reale, con la possibilità di ottenere informazioni aggiornate in ogni momento, "riducendo significativamente i processi operativi oggi necessari all’esecuzione di un adempimento".

Secondo Caridi, i vantaggi di un "cloud fisco" riguarderebbero in generale gli adempimenti di Insp e Erario, e allo stesso tempo permetterebbe anche un salto di qualità della loro immagine pubblica.

Super cloud

La proposta si accoda appieno al più ampio processo di digitalizzazione della Pubblica amministrazione, che entro la fine del prossimo anno dovrebbe (o potrebbe) portare alla migrazione a un "super cloud" di dati e servizi digitali. Il ministro per l'Innovazione tecnologica e la transizione digitale, Vittorio Colao, ha ricevuto lo scorso mese le proposte di due cordate per la realizzazione del cloud, attualmente in valutazione, e che dovranno ricevere risposta entro la fine di dicembre.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Cloud fisco": sinergia tra Erario e Inps per combattere l'evasione fiscale

Today è in caricamento