rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
chiuso Reader di Google

Google chiude Reader, via i feed e scatta la protesta

Dal primo luglio Google ha deciso di porre fine ad uno dei servizi più popolari sul web, il suo servizio di abbonamento RSS. Scattata subito la protesta degli utenti

Google ha deciso unilateralmente di chiudere il suo Reader, il servizio che è attivo da otto anni che permette agli utenti di iscriversi agli RSS preferiti di siti e blog per ricevere le notizie in un’unica interfaccia web simile ad una casella di posta elettronica. “Abbiamo lanciato Google Reader nel 2005 – si legge sul blog di Google – nel tentativo di rendere più semplice per le persone scoprire e tenere sotto controllo i siti web che visitano più spesso. Nonostante il prodotto abbia avuto un seguito fedele negli anni, l’uso è diminuito e così il 1 luglio lo manderemo in pensione”.

La principale ragione dell’abbandono di Reader sarebbe legata all'ascesa della concorrenza e un declino di popolarità di Reader. Google ha dato comunque la possibilità nei prossimi quattro mesi di far confluire i propri dati del Reader in un sistema alternativo attraverso l'uso di Google Takeout. Ci sono anche altri motivi legati al rinnovamento che Mountanin View sta portando avanti, il Ceo Larry Page aveva già annunciato nel 2011 tra gli altri, lo spegnimento di Google Buzz e Google Labs, Google Voice per BlackBerry e di Snapseed Desktop per Mac e Windows. Insomma un rinnovamento totale che porta Big G a ripensare le priorità che sembrano legate sempre più all'interazione con la vita.

Il sito Cnet ha stilato una classifica con quelle che potenzialmente potrebbero essere delle ottime alternative a Google Reader: come Flipboard disponibile per iOS e Android, Pulse anche via web. Poi c'è Feedly per iOS, Android e Web, che permette di salvare gli articoli e leggerli in un secondo momento anche senza connessione, poi c'è Taptu per iOS, Android e Web che, come Flipboard, permette di di collegare i propri account Facebook e Twitter, per avere tutte le notizie su un unica piattaforma.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Google chiude Reader, via i feed e scatta la protesta

Today è in caricamento