rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Tecnologia

"Ti blocco": quasi la metà degli italiani nasconde i post social ai propri familiari

Da un'indagine di Time2Play emerge come il 40% degli utenti Facebook abbia preferito nascondere i propri contenuti ad almeno un parente

Il 40% degli italiani ha bloccato almeno un familiare su Facebook. Pare che una delle ragioni principali sia il voler nascondere alcuni aspetti della propria vita privata (35,1%), seguita dal considerare fastidiosi o irrilevanti i post pubblicati dai parenti (29,3%), oppure l’essere taggati in contenuti che non interessano (16,6%). Il quadro che (non) sorprende emerge da un recente sondaggio condotto dall'agenzia italiana Time2Play.

Perché blocchiamo i parenti su Facebook e Instagram

Secondo la ricerca, oltre la metà (58,3%) del campione interessato ha deciso di non seguire più, nascondere o mettere in pausa almeno uno dei propri parenti, mentre il 13,3% ha imposto il 'ban' dopo un evento o una ricorrenza, come il Natale o un compleanno.

Le motivazioni che spingono gli utenti a schermare i propri cari sono numerosi e vari, una decisione sentita spesso come una necessità. C'è chi blocca i parenti che postano contenuti basati sull’odio (16,1%), opinioni politiche discordanti con le proprie (12,7%) e religiosi (11,1%).

L'analisi di Time2Play ha interessato anche Instagram: è emerso che il 27,4% degli italiani con un profilo sul social per immagini ha bloccato almeno un parente, mentre il 19,4% ha dichiarato che i propri familiari non usano Instagram. Il 33,6% del campione ha detto di aver nascosto o messo in pausa i post dei propri parenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ti blocco": quasi la metà degli italiani nasconde i post social ai propri familiari

Today è in caricamento