rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
lavoratori apple infelici / Stati Uniti d'America

I dipendenti Apple sono infelici

Lavorare a Cupertino non è affatto semplice come dimostra uno studio di Glassdoor

Lavorare per Apple è una delle aspirazioni di molte persone. Che siate tecnici, commerciali, programmatori, commercialisti, quasi tutte le categorie professionali trovano posto nell'azienda di Cupertino. Non è però un mistero che spesso lavorare ai ritmi stressanti ai quali sono sottoposti i dipendenti della Mela non sia facile. Gizmondo fa un elenco dei primi motivi che farebbero del dipendente Apple una persona insoddisfatta e scontenta come risulta da un'analisi del sito Glassdoor specializzato nel settore lavoro.. 

- Segretezza: Talmente alta che impedisce a molti di sapere cosa succede dopo di loro. Libertà di comunicazione praticamente assente e difficoltà nel gestire i rapporti sociali

- Rigidità: Apple non solo vuole il meglio ma il meglio del meglio e questo vuol dire che se sgarri una volta potresti pentirtene per sempre...

- Nessun incentivo: gli uffici di Google e Facebook assomigliano quasi a parchi di divertimenti con scivoli, pinate e ping-pong. Alla Apple l'unico incentivo sembra essere quello di partecipare alla creazione di prodotti e tecnologie che migliorano la vita delle persone. Che palle però.

- Politica aziendale: spesso la paternità di buone idee non viene riconosciuta. Alla Apple nessuno si sorprende se una buona idea viene respinta, almeno in un primo momento. 

- Vita privata: dimenticherete di averne una. La vità personale è irrilevante al di fuori di Cupertino. L'orologio non cosocere sabati, domeniche e wee-end, almeno non sempre. Deriva forse da questo l'elevato livello di domanda richiesta ai lavoratori visto che in molti si lamentano di dover convivere con persone arroganti, troppo consapevoli delle proprie superiorità.

- Burocrazia: ne è immersa tutta l'azienda e sembra essere aumentata dopo la morte di Steve Jobs tanto che in alcune divisioni della società si parla di interferenze con il normale decorso lavorativo a causa di incessanti interventi di burocrati.

- Promozione: promo che? La promozione interna è quasi un concetto utopico e da dimenticare. Non importa quanto duramente si lavora, sembra che tutto sia dovuto e i lavoratori, spesso provenienti da società terze acquisite da Apple, vagano in un senso di preoccupazione e fragilità.

E alla fine di tutto, anche se ci sono posti di lavoro con stipendi davvero bassi, semra che quelli della Apple non siano nemmeno tanto alti. E poi vale la pena ridursi la vita così solo per una mela?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I dipendenti Apple sono infelici

Today è in caricamento