Martedì, 18 Maggio 2021

Microsoft contro la Nsa: presto un software anti-spionaggio

L'azienda annuncia nuove misure per la sicurezza entro il 2014

Microsoft ha annunciato un nuovo pacchetto per la protezione dei computer con il suo sistema operativo contro attacchi esterni. Non contro generici hacker, ma per evitare che il governo americano metta il naso nei documenti personali dei suoi clienti.

Non è certo il primo gruppo hi-tech a correre ai ripari dopo il Datagate, lo scandalo che grazie ai documenti dell'informatico Edward Snowden ha rivelato la vastissima azione di spionaggio nei confronti di milioni di comuni cittadini da parte della National Security Agency (Nsa). Ci avevano già pensato Google, Twitter, Mozilla e Facebook, ma Microsoft promette di più.

Assieme al nuovo pacchetto sicurezza - chiamato Perfect forward secrecy - firmerà con i propri clienti un accordo, in cui si impegna ad avvertirli nel caso dovesse ricevere qualsiasi richiesta fatta del governo americano per l'acquisizione dei loro dati. Non solo. Promette anche di opporsi legalmente a questo tipo di controlli. La protezione, annunciano i vertici dell'azienda, sarà rinforzata per diversi servizi: da quello di email Outlook.com, al pacchetto Office 365 e ancora Windows Azure, il sistema operativo per server, e il sistema di archiviazione online SkyDrive. I cambiamenti saranno attivi dal 2014.

"Se confermato - spiega Brad Smith, avvocato e vicepresidente esecutivo di Microsoft - lo spionaggio del governo costituisce una minaccia persistente e avanzata, proprio come sofisticati malware o attacchi hacker". L'azienda ha infine annunciato anche un nuovo sistema di criptazione del flusso dati tra i suoi server, strada già seguita da colossi come Yahoo! e Google.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Microsoft contro la Nsa: presto un software anti-spionaggio

Today è in caricamento