Martedì, 21 Settembre 2021

Pugnalato a morte in metro: tutti filmano, nessuno aiuta

Un ragazzo di 22 anni ucciso nei corridoi della RER di Parigi. La rabbia della madre Linda Brigitte in tv: "Hanno filmato, hanno condiviso su Snapchat, condiviso su Facebook, WhatsApp e altro ancora, ma nessuno ha alzato un dito per aiutarlo"

Foto di archivio

Un ragazzo di 22 anni è stato aggredito e ucciso con un coltello da uno squilibrato nei corridoi sotterranei della centralissima stazione Châtelet-les-Halles della RER di Parigi. Molti dei numerosissimi viaggiatori che si trovavano sul posto, invece di aiutarlo o di tentare di fermare l'aggressore, hanno filmato la scena, per poi condividerla sui vari social network.

Intervistata oggi dalla radio RCI Martinique, la madre del ragazzo, stravolta dal dolore, si è detta indignata per quanto accaduto: "Hanno filmato, hanno condiviso su Snapchat, condiviso su Facebook, WhatsApp e altro ancora, ma nessuno ha alzato un dito per aiutarlo", ha denunciato Linda Brigitte, infermiera presso il Pronto soccorso della Martinica. "Oggi i social network sono onnipresenti e dimostrano un'assenza di umanità".

Il figlio Andy, che abitava presso una zia nell'Essonne, periferia Sud di Parigi, è stato colpito dal coltello alla gola ed è deceduto sul posto. L'aggressore è stato subito arrestato e internato in un ospedale psichiatrico.


Su internet è stata lanciata una sottoscrizione per raccogliere il denaro necessario alla famiglia per assicurare il trasporto della salma di Andy. In meno di 48 ore sono stati raccolti 14.000 euro.
 

Fonte: Le Parisien →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pugnalato a morte in metro: tutti filmano, nessuno aiuta

Today è in caricamento