rotate-mobile
Domenica, 3 Marzo 2024
Tecnologia

Recensione Gravastar Sirius Pro: auricolari Bluetooth dall’originale design

In prova cuffie senza fili con una resistente custodia in metallo dal look futuristico

Dopo la prova dello speaker Bluetooth Mars Pro, torniamo oggi ad occuparci di Gravastar con la recensione degli auricolari senza fili Sirius Pro. Un prodotto che si distingue per l’originale custodia in metallo dal look futuristico, con luci led integrate. Auricolari che vantano anche dimensioni decisamente ridotte e la resistenza ai liquidi.

Analizziamo, quindi, nel dettaglio tutte le caratteristiche degli auricolari completamente senza fili Gravastar Sirius Pro.

Design e caratteristiche tecniche

Oggetto del nostro test è la versione Space Gray delle Sirius Pro; modello che si affianca alle altre 4 colorazioni disponibili. Iniziamo dalla curiosa custodia quasi interamente realizzata in lega di zinco, con il fondo in plastica. Qui troviamo la porta di ricarica USB-C ed il pulsante per la gestione del Bluetooth e dei Led. Striscia Led, con 6 colori disponibili, inserita nel foro triangolare presente al centro della custodia; originale apertura utilizzabile anche come apribottiglie.

Passiamo alla zona superiore dove troviamo il vano dedicato alla ricarica dei due auricolari protetti da una sottile copertura in metallo; coperchio con pulsante di apertura laterale e cerniera a molla. Custodia, con a bordo una batteria da 400mAh, dal peso decisamente importante, di ben 103 gr.

Proseguiamo con l’analisi degli auricolari dalle forme più classiche, con superficie touch superiore utile al controllo di musica, volume, chiamate, assistente vocale e attivazione delle tre modalità di riproduzione audio: gaming (bassa latenza di 65 ms), movie (virtual surround) e music. Auricolari equipaggiati con driver dinamici da 7,2 mm dotati di armatura bilanciata realizzata da Knowles. Citiamo anche il sensore di rilevamento della posizione; dispositivo in grado di interrompere automaticamente la musica quando togliamo le Sirius Pro dalle orecchie e capace di riavviare la riproduzione audio quando torniamo ad indossare le cuffie.

Non dimentichiamo il modulo Bluetooth 5.2 con supporto al codec AAC, il peso di 6 gr del singolo auricolare e la resistenza ai liquidi delle cuffie, con certificazione IPX5. Ricordiamo, inoltre, la funzione di soppressione del rumore presente, purtroppo, solo nelle chiamate.

Infine l’ottima confezione, che riprende il design della custodia di ricarica, con all’interno un manuale in inglese e cinese, vari gommini per gli auricolari di diverse misure, un cavo USB ed una collanina in metallo installabile sulla custodia. 

Prestazioni, autonomia e prezzo

Concludiamo la recensione delle Gravastar Sirius Pro con l’analisi delle prestazioni. Cuffie ben costruite e dalla buona potenza, con bassi profondi e generosi. Audio con voci sempre naturali, frequenze medie morbide e alti abbastanza definiti. Discreta la qualità dei microfoni. Giudizio positivo sull’ergonomia: cuffie comode e leggere, adatte anche ad un uso prolungato, abbastanza stabili nell'orecchio. 

Proseguiamo con l’autonomia non elevatissima, fino a circa 4 ore con una singola carica e fino a 16 ore utilizzando anche la custodia di ricarica. Infine il prezzo delle Gravastar Sirius Pro acquistabili a partire da 129 euro.

Scopri di più su Amazon

Le migliori casse senza fili low cost a partire da 26 euro

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Recensione Gravastar Sirius Pro: auricolari Bluetooth dall’originale design

Today è in caricamento