rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Avremo un Paese più digitale anche nelle procedure burocratiche. Così l'Italia si fa meno lenta / Roma

Decreto Semplifica Italia, così arriva il bollo digitale

Approvato alla Camera la procedura di svecchiamento della burocrazia italiana. Ora tocca al Senato


Ha ottenuto ieri la fiducia della Camera. Il decreto "Semplifica Italia" (qui il file completo) aspetta l'ok del Senato ed entro il 9 aprile il nostro Paese dovrebbe disporre finalmente di una legge che implementerà l'utilizzo del digitale in vari ambiti. Gli obiettivi sono molteplici tra cui quello di rendere più snelle e veloci alcune burocrazie della vita sociale italiana che spesso rallentano troppo le richieste dei cittadini e il "nervosismo" degli addetti ai lavori. Un piano che rientra nei progetti dell'Agenda Digitale, un nome che indica un gruppo di lavoro (e sottogruppi) teso a stabilire linee guida per regalare all'Italia un mondo digitale di tutto rispetto. Ogni documento inviato ad una Pubblica Amministrazione potrà essere fatto via web applicando una marca da bollo digitale da pagare con carta di credito, di debito o prepagate (ad esempio Postepay) così da evitare lunghe code agli uffici sul territorio. Così come per la Sanità ci saranno le cartelle cliniche elettroniche, che dovranno essere attivate dagli organi nazionali e regionali, con le quali si potranno prenotare servizi e prenotazioni direttamente da casa. 

Dal 1 gennaio 2014 tutte le procedure riguardanti la Pubblica Amministrazione con cittadini e imprese dovranno avvenire via Internet attraverso canali specifici e con posta certificata. Il Governo ha pensato anche ai Comuni minori sui quali peserebbe l'attivazione dei nuovi servizi; per questo quelli con meno di 5 mila abitanti dovranno associarsi per la realizzazione condividendo diverse procedure tra cui: le infrastrutture di rete, le bache dati, le licenze per i programmi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Decreto Semplifica Italia, così arriva il bollo digitale

Today è in caricamento