Domenica, 13 Giugno 2021
Tech

Senza telefono e internet per sette mesi: ottiene 4mila euro di danni

Una migrazione fallita e due compagnie telefoniche che continuavano a rimpallarsi le responsabilità. L'utente ha deciso di fare causa e ha vinto (dopo cinque anni)

Foto d'archivio

Voleva cambiare gestore di telefonia ma si è ritrovato per sette mesi senza linea telefonica e internet, "incastrato" tra un operatore e l’altro. Dopo oltre 200 giorni di attesa e di solleciti inascoltati l’utente, spazientito, ha deciso di tagliare la testa al toro rinunciando al proprio numero di telefono per passare ad un terzo operatore.

Ma quei sette mesi di disservizi subiti non potevano restare impuniti: così, dopo aver intentato causa alle due compagnie telefoniche, è passato all’incasso: una sentenza gli ha infatti riconosciuto un risarcimento di oltre 4mila euro di danni, più le spese processuali.

Resta senza telefono e Adsl, ma l'operatore continua a inviare fatture

A  riportare la vicenda è l’associazione Confconsumatori: il protagonista della vicenda – che è iniziata nel 2012 e si è conclusa solo a dicembre del 2018 -  è un cittadino residente in provincia di Grosseto.

Nell'aprile del 2012, allettato da un’offerta che sembrava vantaggiosa, l’utente aveva sottoscritto un contratto con una compagnia di telecomunicazioni per la migrazione della linea telefonica domestica e della connessione internet Adsl. Il cambio di operatore però non era andato a buon fine. Nonostante fosse rimasto senza linea e senza Adsl, inoltre il vecchio operatore continuava a pretendere il pagamento delle bollette successive alla disdetta, pur avendo attestato di aver acconsentito alla migrazione regolarmente. Nel frattempo le due compagnie si rimpallavano le responsabilità.

Il cambio di numero e la causa alle due compagnie

Un calvario - se ci passare l’iperbole - durato ben 210 giorni. Alla fine lo sfortunato utente si è visto costretto a rivolgersi ad un terzo operatore e a rinunciare al suo numero storico. Esasperato, ha deciso di rivolgersi a Confconsumatori. Dopo aver fatto tentativo (fallito) di conciliazione presso il Co.Re.Com., ha deciso di portare le due compagnie in tribunale. Ed ha avuto ragione. Peccato che per ottenere giustizia abbia dovuto aspettare più di cinque anni.

Cinque anni per avere giustizia

Il dilatarsi dei tempi - scrive l’associazione dei consumatori - "è stato causato dalla lunga istruttoria conseguente e dalla condotta delle due compagnie telefoniche, che sono arrivate a negare l'evidenza".  Il giudice di pace ha ritenuto equa la cifra di 4mila euro chiesta dall’utente, a cui si sono aggiunti 400 euro di risarcimento per i costi sostenuti per telefonate e reclami varie alle due compagnie. Il giudice ha inoltre annullato le fatture pendenti chieste dal vecchio operatore  e condannato tutte e due le compagnie telefoniche al pagamento delle spese processuali. Insomma, una vittoria su tutti i fronti, anche se ottenuta a distanza di anni dai fatti.

"Una sentenza esemplare"

Per Confconsumatori Grosseto "si tratta di una sentenza esemplare che confidiamo possa disincentivare comportamenti omissivi e sconsiderati da parte dei gestori telefonici che non possono "accalappiare" i clienti con offerte succulente per poi lasciarli a loro stessi in caso di guai. Altra doverosa conclusione che si trova nella vicenda è l’insufficiente efficace delle procedura deflattive delle controversie telefoniche perché in tale sedi, anche davanti ai Co.re.com., non si parla mai di risarcimento danni veri e propri per gli utenti che, al contrario, hanno pieno diritto".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Senza telefono e internet per sette mesi: ottiene 4mila euro di danni

Today è in caricamento