Lunedì, 21 Giugno 2021
iPhone

Cominciata la produzione del chip A15 Bionic: cosa sappiamo su iPhone 13

Secondo Cupertino, il nuovo smartphone potrebbe avere una richiesta maggiore rispetto alla famiglia iPhone 12

La notizia è riportata da DigiTimes: pare che TSMC il fornitore di chip di Apple abbia cominciato a produrre A15 Bionic, il chipset di ultima generazione che sarà montato sui nuovi iPhone 13. E rispetto al chip A14, la produzione potrebbe essere maggiore, sintomo che il colosso di Cupertino prevede vendite maggiori per lo smartphone che vedrà la luce, se saranno rispettati i tempi, a settembre 2021. Per il resto, le informazioni raccolte sul nuovo iPhone 13 negli ultimi mesi sono molte. Si tratta di indiscrezioni da prendere con le pinze, ma vediamo comunque di fare ordine.

Notch

Il notch dovrebbe essere sensibilmente più piccolo rispetto al passato, con il sensore della fotocamera anteriore spostato sulla sinistra. A rivelarlo era stato il sito giapponese Mac Otakara, che aveva anche proposto un mock up realizzato con la stampante 3D. L'analista Ming-Chi Kuo, addentro al mondo di Cupertino, aveva invece annunciato possibili importanti novità in merito al comparto fotografico. In particolare la versione Pro Max farà passi avanti in questo senso: l'obiettivo grandangolare dovrebbe avere apertura f/1.5, a fronte di quella f/1.6 della versione precedente.

Quello che sappiamo su iPhone 13

Le novità sulle fotocamere di iPhone 13, non si fermerebbero qui. Sempre secondo Kuo, infatti, le lenti del nuovo smartphone di Cupertino potrebbero essere fornite da Sunny Optical, azienda cinese specializzata nella prodizione di obiettivi ottici. Gli altri componenti della nuova famiglia di cellulari Apple, invece, potrebbero avere caratteristiche in tutto e per tutto simili a quelle già viste nei dispositivi dello scorso anno.

Che Apple puntasse sulle fotocamere per fare il salto di qualità rispetto alla concorrenza era già noto da tempo. Si è parlato molto delle super foto notturne di iPhone 12 Pro Max, ma in molti si sono accorti, utilizzando il nuovo dispositivo super top di gamma, che la funzione di zoom non è paragonabile a quella degli smartphone di altre aziende sul mercato (Mate 40 Pro di Huawei su tutti). Secondo alcuni leaker l'azienda a stelle e strisce si starebbe alleando con Samsung per dotare iPhone 13 di una super fotocamera. Per raggiungere lo scopo, sembra che Apple sia intenzionata ad inserire sui prossimi cellulari una fotocamera periscopica con zoom ottico; il sensore sarebbe affidato all'azienda concorrente coreana.

Il nuovo smartphone di Apple avrà un super display

Nei mesi scorsi vi avevamo anticipato che iPhone 13 dovrebbe disporre di un super display, realizzato anche in questo caso da Samsung, con una frequenza di aggiornamento a 120 Hz. Da alcuni anni si vocifera di un refresh rate che vada oltre i 60 Hz per i melafonini, e puntualmente, ad ogni presentazione, quelle voci sono smentite. Il 2021 potrebbe davvero essere l'anno buono. Non solo frequenza di aggiornamento. L'altra novità più fresca riguarda il notch, che sì, sarà ancora presente, con buona pace di chi proprio non riesce a sopportarlo, ma sarà di dimensioni sempre più ridotte rispetto al passato. Questo è quello che hanno fatto trapelare alcuni leaker negli ultimi giorni sui social network.

Kuo aveva anticipato che iPhone 13 avrà, rispetto al passato, dei moduli batteria più ampi, grazie ad un design salvaspazio di altre componenti interne; questo comporterà una durata maggiore della batteria (almeno nelle intenzioni). Negli ultimi mesi anche Bloomberg è stato particolarmente generoso in dettagli riguardanti il nuovo iPhone 13 (o 12s che dir si voglia). Vi avevamo già parlato delle voci di corridoio secondo cui gli smartphone che usciranno a settembre 2021 potrebbero avere un display pieghevole. Si tratterebbe di una novità importante per il colosso di Cupertino, pronto ad entrare in competizione con Samsung - i leader in questo specifico settore - e Motorola. Si tratta, ad ogni modo, di una eventualità molto remota.

A quanto si apprende, sarebbero di due tipologie i test messi in piedi dall'azienda statunitense:

  • il primo sulla resistenza del sistema che consente di ripiegare i due schermi
  • il secondo sulla ressitenza che consente di piegare, invece, le due metà dello schermo

Sensore per le impronte digitali sotto-schermo?

I nuovi iPhone potrebbero disporre di sensore di impronta digitale sotto al display, in particolare per le difficoltà sperimentate da Face ID (il riconoscimento facciale made in Apple) in tempo di epidemia sanitaria, con la mascherina indossata. I nuovi smartphone dovrebbero essere performanti anche nel campo della capacità di archiviazione: si parla, per almeno uno degli smartphone, di una super memoria da 1 terabyte.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cominciata la produzione del chip A15 Bionic: cosa sappiamo su iPhone 13

Today è in caricamento