Domenica, 29 Novembre 2020
Smart glasses

Gli smart glasses di Amazon che funzionano anche da cuffie Bluetooth

Si chiamano Echo Frames: sono stati annunciati lo scorso anno e dopo la necessaria fase di testing, dal 10 dicembre saranno distribuiti negli Usa. Per vederli in Italia, però, bisognerà attendere ancora un po'

Gli Echo Frames di Amazon (foto Ansa)

Sono stati presentati un anno fa, ora Amazon è pronta a distribuire i suoi occhiali smart di seconda generazione, Echo Frames, dopo un periodo necessario di testing. Il dispositivo può essere prenotato già da ora, ma solo negli Stati Uniti, e sarà in distribuzione a partire dal 10 dicembre. Ancora non ci sono notizie sulla distribuzione in Europa e, nella fattispecie, in Italia.

Echo Frames per ascoltare musica e telefonare

Echo Frames di Amazon, a prima vista, sembrano dei normalissimi occhiali da vista all'interno dei quali è possibile inserire delle lenti graduate. In realtà consentono di interagire con l'assistente vocale Alexa e si comportano, di fatto, da cuffie Bluetooth con cui ascoltare musica, telefonare e ricevere notifiche. Una chicca: il volume si regola in automatico in base al livello del rumore circostante. Se sono collegati a uno smartphone Android o a un iPhone, permettono anche di parlare con gli assistenti vocali della concorrenza, Google Assistant e Siri.

Gli smart glasses di Amazon arrivano con montatura in tre varianti di colore (nero, blu e tartarugato) e dovrebbero costare, una volta sul mercato europeo, circa 250 euro. Al momento, come specificato, non ci sono ancora indicazioni in merito alla commercializzazione di Echo Frames nel mercato italiano. Quello che sappiamo sugli smart glasses di Amazon:

  • si comportano da cuffie Bluetooth
  • possono essere utilizzati per ascoltare musica e telefonare
  • possono interagire con assistenti vocali
  • costeranno circa 250 euro

Potenziati rispetto al passato

Gli smart glasses di Amazon sarebbero stati migliorati, per non dire potenziati, in modo sensibile rispetto al passato, in primis per quanto l'autonomia: rispetto al modello uscito a settembre 2019, infatti, avranno una durata della batteria superiore del 40%. In ottica di risparmio, è molto interessante la funzione che disattiva gli occhiali intelligenti, impedendo quindi il benché minimo consumo di batteria, quando rimangono girati sottosopra, appoggiati su un piano, per più di 3 secondi. A ciò si deve aggiungere che il colosso di Bezos ha profuso notevoli sforzi per migliorare la qualità dell'audio open-ear, marchio di fabbrica degli smart glasses, che permette di "trasmettere" l'audio alle tempie, lasciando di fatto libere le orecchie.

Facebook annuncia gli smart glasses Ray-Ban

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli smart glasses di Amazon che funzionano anche da cuffie Bluetooth

Today è in caricamento