Giovedì, 17 Giugno 2021
Tech

Telefonia, stop al roaming dal 15 giugno 2017

L'Unione europea ha raggiunto l'accordo preliminare per togliere il sovrapprezzo imposto quando si telefona in un paese diverso dal proprio

ROMA - Sulle spese di telefonia è arrivata una svolta attesa da tempo per i consumatori europei: l'Unione europea, infatti, ha raggiunto un'intesa preliminare per porre fine alla pratica del roaming, il sovrapprezzo imposto quando si telefona in un Paese diverso dal proprio, a partire dal 15 giugno del 2017. Lo ha annunciato la presidenza di turno lettone al termine di una maratona negoziale notturna con il Parlamento europeo. In origine la fine del roaming era stata prevista per il 2018.

"Sono stati ascoltati i cittadini europei, che hanno chiesto e aspettato per la fine dei sovraccosti del roaming così come per regole sulla neutralità di internet", ha dichiarato il vicepresidente della Commissione Ue per il mercato unico digitale Andrus Ansip. L'intesa "cruciale" raggiunta nella notte sull'abolizione dei sovraccosti e la tutela dell'accesso aperto a internet sono "essenziali per consumatori e imprese nella società ed economia digitale europea", ha aggiunto il commissario Guenther Oettinger.

L'abolizione completa dei sovraccosti del roaming, che scatterà da metà giugno 2017, sarà preceduta da un primo taglio il 30 aprile 2016, quando i tetti attualmente in vigore quando si va all'estero saranno rimpiazzati da un sovraccosto massimo di 0,05 euro al minuto per le chiamate, 0,02 per gli sms e 0,05 per megabyte per i dati. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Telefonia, stop al roaming dal 15 giugno 2017

Today è in caricamento