rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Vittima dell'amianto

È morto Mariusz Sodkiewicz, ex dipendente Rai con mesotelioma come Franco Di Mare

Anche lui, come il noto giornalista, aveva attaccato la Rai legando la sua malattia all'esposizione all'amianto

Mariusz Marian Sodkiewicz, l'ex dipendente Rai affetto da mesotelioma, è morto a 62 anni. Nelle scorse settimane - dopo l'intervista di Franco Di Mare - si era fatto coraggio e aveva denunciato anche lui l'azienda, legando la malattia all'esposizione all'amianto avvenuta per anni nella sede Rai di Roma in cui aveva lavorato.

A darne notizia l'Osservatorio Nazionale Amianto, che fa sapere come la sua esposizione era "avvenuta soltanto all'interno dell'ufficio". Sodkiewicz si era rivolto all'avvocato Ezio Bonanni - lo stesso che segue Di Mare - che oggi ha dichiarato: "La morte di Sodkiewicz , che solleva anche interrogativi sulla sicurezza sul lavoro e la responsabilità delle istituzioni, è una delle tante e dolorose testimonianze delle conseguenze devastanti dell'esposizione all'amianto sul luogo di lavoro".

Mariusz Marian Sodkiewicz - in Rai per 22 anni, a partire dal 2002 - aveva iniziato a manifestare i sintomi nell'estate del 2023, per poi avere la diagnosi di mesotelioma poco dopo, grazie agli esami clinici che hanno confermato il legame tra la malattia e l'esposizione all'amianto. Tracce di amianto erano presenti negli edifici, tanto che tra il 2010 e il 2012 era stato disposto il piano di bonifica, ma le misure di sicurezza sono evidentemente risultate inefficaci. I dipendenti, tra cui Sodkiewicz, assistevano alla bonifica durante l'orario di lavoro, esposti alle fibre disperse pericolosamente nell'aria.

Mesotelioma, cos'è e quali sono i sintomi

Il mesotelioma è un tumore che nasce dalle cellule del mesotelio cioè le membrane che rivestono, come una sottile pellicola, gli organi interni. A seconda dell'area che ricopre, il mesotelio assume nomi diversi. Il mesotelioma maligno è un tumore raro che colpisce prevalentemente gli uomini. Il 90 per cento dei mesoteliomi è dovuto all'esposizione ad amianto. La sopravvivenza media è di 12 mesi dalla scoperta della malattia. Di solito passano anche alcuni decenni tra l'esposizione all'amianto e l'eventuale insorgenza del mesotelioma, per questo ci si attende che il numero di diagnosi continuerà a salire nei prossimi anni. 

I mesoteliomi si palesano con segnali "vaghi", simili ad altre patologie più comuni (così risultano spesso difficili da diagnosticare). Nello specifico, i primi sintomi con cui si presenta il mesotelioma pleurico sono di tipo respiratorio: fiato corto (dispnea) e tosse. Possono poi verificarsi dolori nella parte inferiore della schiena oppure a un lato del torace, e sintomi più specifici (dalla perdita di peso alla debolezza muscolare). In caso di mesotelioma peritoneale, invece, la sintomatologia riguarda il dolore addominale, la perdita di peso, la nausea, il vomito. Talvolta è presente anche un aumento del volume dell'addome, provocato da un accumulo di liquidi nel peritoneo (ascite). La diagnosi oncologica trova supporto nell'anamnesi - l'indagine e la raccolta di informazioni sul paziente -, che valuta l'eventuale esposizione all'amianto durante gli anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

È morto Mariusz Sodkiewicz, ex dipendente Rai con mesotelioma come Franco Di Mare

Today è in caricamento