rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Tv News

Carlo Freccero contro La7 e Rai: ora sono tutti renziani

L'ex direttore di Rai4 spiega i cambiamenti che in poco tempo hanno sconvolto la politica e il giornalismo italiano con l'arrivo di Matteo Renzi

Carlo Freccero è un fiume in piena: “Ho letto cose incredibili, ci sono giornalisti di prima categoria che scrivono su giornali di prima categoria che fanno cose cose terribili. E' una cosa scandalosa”.

Per l'ex direttore di Rai4, ormai la Rai, la7 e buona parte del giornalismo italiano si è asservita a Matteo Renzi, come nemmeno ai tempi del Berlusconi che fu.

Intervistato da Parenzo e Cruciani a “La Zanzara”, Freccero ha sottolineato il cambiamento occorso nei media italiani con l'arrivo del nuovo premier:

C'è la tv di Stato ma, dice Freccero, “la Rai si adegua sempre, la Rai non conta, è sempre dalla parte del potere. E' già tutta quanta renziana”.

C'è anche La7, che invece è “un po' renziana”, mentre il direttore del TgLa7 Mentana renziano “lo è abbastanza”.

Cambia l'atteggiamento della stampa (“Voi giornalisti siete molto disponibili nell'aver creato questo mito renziano”, accusa Freccero) anche perché è cambiato l'atteggiamento del potere, del premier.

Renzi dà il cellulare a tutti, è una forma di cameratismo. Con Berlusconi questo, in maniera così clamorosa, non c'era. Ora c'è una prossimità dei giornalisti giovani verso Renzi, è colossale”, scandisce Freccero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carlo Freccero contro La7 e Rai: ora sono tutti renziani

Today è in caricamento