rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
una carriera lunga 67 anni

Chi è stato Maurizio Costanzo: icona della tv e giornalista scomodo per la mafia

Dall'inizio al "Paese Sera", quando era appena 18enne, fino al "Maurizio Costanzo Show", la cui ultima puntata è andata in onda lo scorso novembre. Tutte le tappe di una carriera che resterà nella storia dello spettacolo

È morto Maurizio Costanzo e con lui se ne va un pezzo di storia della televisione. Giornalista, conduttore tv, autore, sceneggiatore, Costanzo è deceduto a Roma all'età di 84 anni dopo un ricovero durato un paio di settimane. Era nato nella capitale, da una famiglia di origini abruzzesi, nel 1938. Una vicenda professionale intensissima la sua, iniziata appena 18enne come cronista del quotidiano romano Paese Sera, e su cui è calato il sipario solo lo scorso novembre con l'ultima puntata del Maurizio Costanzo Show. 

Il debutto da giovane cronista

Dopo il debutto a 'Paese Sera', l'inizio della collaborazione con il settimanale 'Tv Sorrisi e Canzoni' e qualche anno più tardi diventa caporedattore del settimanale femminile 'Grazia'. Nel 1966, iscrive il suo nome anche nella storia della musica leggera, come autore del testo di 'Se telefonando', la canzone musicata da Ennio Morricone e portata al successo da Mina. Mentre l'anno successivo 'scopre' il comico Paolo Villaggio e assieme a lui crea il personaggio di 'Fracchia'.

La consacrazione nei salotti tv

Ma sono i salotti tv a decretare la fama di Maurizio Costanzo, re delle seconde serate, prima in Rai e poi in Mediaset: prima con 'Bontà loro' primo talk show tv di grande audience. La prima puntata del salotto televisivo andò in onda su Rai1 dallo Studio 11 di via Teulada, alle 22:40 di lunedì 18 ottobre 1976, subito dopo il tradizionale appuntamento con 'Lunedì Film'.

l programma chiuse i battenti nella primavera del 1978 per trasformarsi in altri due talk show simili: nel 1978-1979 Costanzo condusse "Acquario" e nel 1979-1980 "Grand'Italia". Nel primo salotto televisivo di Costanzo sono passati molti ospiti di prestigio. Tra questi Piero Chiara, Umberto Agnelli, Marcello Mastroianni, Tina Anselmi, Alberto Sordi, Lina Wertmüller, Enrico Montesano, Luciano De Crescenzo, Niki Lauda, Alberto Lattuada, Felice Ippolito, Stefano Benemeglio, Giovanni Nuvoletti, Goffredo Parise, Marco Ferreri, Amanda Lear, Eugenio Scalfari.

Dopo 'Acquario', 'Grand'Italia' e 'Fascination' approdò finalmente al suo 'Maurizio Costanzo Show' dal teatro Parioli in Roma, di cui è stato anche direttore artistico. Esperienza che, scontando anche una dura polemica con il predecessore Gigi Proietti, ha ripetuto anche al teatro Brancaccio.

Maurizio Costanzo, addio all'uomo che ha cambiato la televisione

CITYNEWSANSAFOTO_20230224151231827_4a168c564aa3398e70165f1fb8d06fd1

Il Maurizio Costanzo Show, dove nacquero i volti tv del presente

Dal 'Costanzo Show' nascono personaggi ancora oggi sulla cresta dell'onda ma allora semi-sconosciuti, come Vittorio Sgarbi, Luciano De Crescenzo, Valerio Mastandrea, Ricky Memphis, Daniele Luttazzi, Alessandro Bergonzoni, Giobbe Covatta, Enzo Iacchetti, Dario Vergassola, Gioele Dix; e da quel palcoscenico lancia per primo verso il grande pubblico i romanzi di Andrea Camilleri con protagonista il commissario Montalbano.

Tornando al mondo giornalistico, diventa direttore della 'Domenica del Corriere' e lancia il quotidiano popolare 'L'Occhio', in quest'ultimo caso con risultati non molto apprezzati dal punto di vista delle vendite e della qualità informativa. Firma una rubrica fissa prima sul 'Messaggero' e poi sul 'Tempo'. Più di una volta è presidente della giuria di 'Miss Italia'. 'Contatto' è invece il nome del primo telegiornale di una tv privata, da lui fondato.

Il colpo più duro alla sua immagine arriva nel 1981 con lo scandalo P2 e il suo nome della famigerata lista massonica di Licio Gelli, per la quale si scuserà e si autoaccuserà pubblicamente. Agli onori delle cronache, invece, sale con la maratona tv antimafia in duetto Rai-Mediaset con Michele Santoro.

Impegno giornalistico e civile, probabilmente causa del fallito attentato che subì nel 1993 con l'esplosione della sua auto carica di tritolo in via Fauro a pochi passi dal 'suo' teatro Parioli. Dove è tornato lo scorso anno per riprendere a registrare le nuove puntate per la ripresa del 'Maurizio Costanzo Show'.

Maurizio Costanzo e la sua sfida alla mafia (che si è vendicata) 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chi è stato Maurizio Costanzo: icona della tv e giornalista scomodo per la mafia

Today è in caricamento