rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024

La recensione

Claudio Pizzigallo

Giornalista

La commedia italiana da guardare se cercate qualcosa di leggero, anzi leggerissimo

Il 25 novembre su Prime Video è uscito Falla girare, film italiano diretto da Giampaolo Morelli (noto come interprete dell'ispettore Coliandro), che è anche tra i protagonisti della storia insieme a Ciro Priello e Fabio Balsamo dei The Jackal (già noti al pubblico di Prime per l'ultimo Celebrity Hunted ma anche per una passata e una futura partecipazione a LOL), e con Michele Placido, Laura Adriani e Giovanni Esposito. 

Come si può intuire dal titolo e dalla locandina del film, Falla girare (sottotitolo ancora più esplicito: The Last Joint) è una commedia che parla di canne e di cannabis: di fatto, è un sottogenere cinematografico che annovera titoli come Pineapple Express o Half Baked, e se conoscete questi due titoli sapete già che questo sottogenere è solitamente inserito nella macrocategoria "film demenziali". 

Tutto questo per dire che se cercate un film raffinato, con una trama complessa e personaggi scritti con estrema cura, Falla girare non è il film che fa per voi. Ma se invece avete voglia di un film leggero anzi leggerissimo (cit.) questo film può essere la scelta giusta, e spiegheremo perché dopo aver riassunto la trama.

Il poster di Falla Girare

Di cosa parla Falla girare

La premessa del film è che, per un misterioso virus, nel mondo si è estinta la cannabis, ovvero non esistono più piantine di marijuana, anche se uno scontro tra malavitosi cinesi fa pensare che ci sia ancora una "speranza" per l'umanità. 

Poi conosciamo il nostro "collega" Guglielmo Bonetti (Ciro), giornalista che vorrebbe fare un'inchiesta sullo strano aumento di suicidi negli ultimi anni ma viene spedito dal direttore a intervistare Natan (Morelli), modello-influencer recentemente finito sotto i riflettori per un infuocato incidente domestico con l'ormai ex fidanzata. 

Natan è proprio il tipo di influencer che ci si può aspettare, tutto apparenza, pose con la bocca a "culo di gallo, non di gallina" e frasi a effetto per ottenere like. Per cui l'intervista non procede bene, e non aiuta certo la presenza di Arturo (Esposito), fratello di Natan con qualche problema comportamentale. 

Infatti a causa di un battibecco tra Arturo e Guglielmo si rompe una statua in giardino, ma proprio dalla base di quella statua emerge l'inaspettato: una piantina di marijuana. E da questa scoperta parte la missione di Natan, Guglielmo, Arturo, Oreste (Fabio) e Diego (Placido), con il particolare aiuto dell'agente Sara Nicoletti (Adriani), che in teoria vorrebbe arrestare il malavitoso noto come 100 Watt (Leopoldo Mastelloni). Ci fermiamo qui per non spoilerare l'intreccio del film, qui sotto il trailer.

Perché guardare Falla girare... nonostante tutto

Lo ribadiamo: se volete guardare un film che vi impressioni per coerenza, raffinatezza e/o effetti speciali, siete fuori strada. Perché Falla girare è una commedia demenziale piena di "buchi" nella trama e nella scrittura dei personaggi, e in generale è un film che, se fosse americano, forse avrebbe qualche possibilità di vincere solo i temuti "Razzie awards" aggiudicati ai peggiori film dell'anno. 

Eppure, Falla girare è un film che consigliamo caldamente di vedere a chi ha bisogno o desiderio di un'ora e mezza di svago, di risate liberatorie e insomma di staccare un po' la spina (o lo spinello? Ok scusate la battuta...). Per i film impegnati c'è sempre tempo, del resto. 

Voto: 6.5

Si parla di

La commedia italiana da guardare se cercate qualcosa di leggero, anzi leggerissimo

Today è in caricamento