rotate-mobile
Giovedì, 29 Febbraio 2024
Sanremo

Sanremo, la prima serata del Festival è gay friendly

Occhi puntati su Elton John, ma gli unici a portare sul palco il tema del riconoscimento dei diritti delle coppie gay sono stati i cantanti in gara. 10 i big che si sono esibiti, grandi emozioni con Laura Pausini e tante risate con Virginia Raffaele, alias Sabrina Ferilli, vera mattatrice della serata

Un Festival dinamico, fresco, divertente, ma soprattutto gay friendly quello che si è visto nella prima serata. La battaglia per il riconoscimento dei diritti delle coppie omosessuali, alla vigilia della votazione in Senato del ddl Cirinnà, è entrata a gamba tesa all'Ariston rubando anche un po' la scena alla gara vera e propria.

A farsi portavoci di un tema così delicato a Sanremo sono stati i cantanti. La prima a esibirsi con il nastro arcobaleno sul microfono è stata Noemi, seguita da Arisa, Enrico Ruggeri e Irene Fornaciari. Chi invece si aspettava uno spot pro gay da parte di Elton John è rimasto deluso. Il cantante inglese, simbolo mondiale dei diritti degli omosessuali, sposato dal 2014 con il compagno David Furnish e papà di due bambini avuti da una madre surrogata, non ha neanche sfiorato l'argomento, ma ha regalato al pubblico alcune delle sue più grandi hit come "Your song", "Sorry seems to be the hardest word" e l'ultimo singolo "Blue Wonderful", dando un calcio alla polemica montata a poche ore dall'inizio del Festival.

Già a metà puntata è partito l'hashtag #SanremoArcobaleno, al quale si è subito accodata Monica Cirinnà che su Facebook ha commentato: "Anche Sanremo ci spinge per andare dritti ai diritti".

Dieci le canzoni presentate nella prima serata: Lorenzo Fragola con "Infinite volte", Noemi con "La borsa di una donna", Deborah Iurato e Giovanni Caccamo con "Via da qui", Bluevertigo con "Semplicemente", Enrico Ruggeri con "Il primo amore non si scorda mai", Arisa con "Guardando il cielo", Rocco Hunt con "Wake up", Dear Jack con "Mezzo respiro", Stadio con "Un giorno mi dirai" e Irene Fornaciari con "Blu". Nella seconda serata, mercoledì, gli altri 10 big. La classifica provvisoria dei cantanti che si sono esibiti, votata da sala stampa e pubblico, vede nelle prime sei posizioni Enrico Ruggeri, Lorenzo Fragola, Rocco Hunt, Arisa, Caccamo e Iurato e gli Stadio.

Grande spettacolo anche grazie ai super ospiti. Oltre a Elton John, un'emozionatissima Laura Pausini, che tornata a Sanremo dopo 23 anni, si è esibita nei suoi più grandi successi e a stento è riuscita a trattenere le lacrime dopo un singolare duetto con se stessa che sullo schermo cantava "La solitudine" nel lontano Sanremo 1993. Ancora musica con un altro grande artista internazionale, Maitre Gims, e poi tante risate con Aldo, Giovanni e Giacomo, premiati per i loro 25 anni di carriera. 

Invincibile Carlo Conti, sia nella conduzione che nella scelta del cast. Bellissima e molto brava a gestire l'emozione, per essere al primo appuntamento con il grande pubblico, Madalina Ghenea, una bella scoperta il divo delle fiction Gabriel Garko, affabile anche senza copione, ma il vero valore aggiunto di questo Festival è senza ombra di dubbio Virginia Raffaele, nei panni di una esilarante Sabrina Ferilli durante tutta la prima puntata. Una vera mattatrice.

Sanremo 2016: la prima serata

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanremo, la prima serata del Festival è gay friendly

Today è in caricamento