Venerdì, 18 Giugno 2021
VIAGGI

Le regole per viaggiare con il proprio cane

Queste le norme da rispettare durante il trasporto di animali domestici in auto, treno e aereo. Prima regola: "Attenti al troppo caldo"

ROMA - Sempre più persone desiderano portare con sé in vacanza il proprio animale domestico. Ma, prima di mettersi in viaggio è bene essere informati sulle regole da rispettare. I Regolamenti comunitari stabiliscono che gli animali domestici che viaggiano con i proprietari nei paesi dell'Unione Europea devono essere identificati con microchip (il cane, inoltre, deve risultare iscritto all’anagrafe canina), vaccinati contro la rabbia almeno 21 giorni prima della partenza e muniti del cosiddetto passaporto. Il passaporto non ha scadenza, dura per tutta la vita dell’animale, la sua validità è legata alla vaccinazione contro la rabbia che, in genere, va ripetuta ogni anno e riportata sul documento a cura del veterinario curante. 

"EXTRA-EUROPA" - Per i paesi extraeuropei è bene informarsi per tempo presso le autorità veterinarie, l’ambasciata o il consolato del Paese di destinazione sulle condizioni per l’ingresso degli animali. Solo le autorità del Paese di destinazione, infatti, sono competenti in materia. 

IN AUTO - Il viaggio in auto solitamente è gradito dagli animali, soprattutto se vi sono stati abituati fin da piccoli e se sono in grado di associarlo alla possibilità successiva di divertimento o all’opportunità di stare in compagnia del proprio padrone. Tuttavia, alcuni cani e gatti non amano viaggiare e l’auto per loro rappresenta fonte di stress, paura e disagi. Per evitare le problematiche che si instaurano a seguito di un viaggio non gradito è molto importante abituarli fin da piccoli, con viaggi brevi da allungare gradualmente, evitare che soffrano il caldo cui sono molto sensibili, fare soste lungo il percorso per farli bere, passeggiare e fare i bisogni, capire se soffrono il mal d’auto (si manifesta con nausea, abbattimento, aumento eccessivo della salivazione) ed eventualmente intervenire con farmaci prescritti dal veterinario. 

ATTENTI AL CALDO - A proposito del caldo, occorre prestare molta attenzione a non lasciare, soprattutto in Estate, gli animali da soli nell’auto in sosta: la temperatura all’interno dell’abitacolo può raggiungere velocemente e superare i 50°C provocando un colpo di calore con conseguenze anche mortali. E’ bene evitare che il cane sporga la testa fuori dal finestrino durante il viaggio, perché i colpi d'aria possono provocare otiti e congiuntiviti. 

NIENTE PORTABAGAGLI - La legge vieta di trasportare gli animali nei portabagagli chiusi. Il Codice della strada consente di trasportare nell’abitacolo un solo animale, purché in condizioni da non costituire impedimento o pericolo per la guida. Se gli animali sono più di uno occorre custodirli in gabbie o trasportini oppure nel vano posteriore dell’abitacolo separato da una rete o mezzo idoneo. Se si usano gabbie o trasportini assicurarsi che siano sufficientemente grandi in modo che l’animale possa stare sia disteso sia in piedi e che sia protetto da urti e sbalzi di temperatura. 

IN TRENO - Anche viaggiare in treno con il proprio animale è possibile. Salvo particolari eccezioni è ammesso il trasporto gratuito di cani di piccola taglia, gatti ed altri piccoli animali domestici da compagnia nella prima e nella seconda classe di tutte le categorie di treni. Gli animali devono viaggiare all’interno di un apposito contenitore di dimensioni non superiori a 70x30x50 e tale da escludere lesioni o danni sia ai viaggiatori che alle vetture. E’ consentito un solo contenitore per ciascun viaggiatore. 
Il trasporto di un cane di qualsiasi taglia è ammesso purché provvisto di museruola e guinzaglio e munito del certificato di iscrizione all’anagrafe canina (o del passaporto per i viaggiatori provenienti dall’estero). 

IN AEREO - Gli animali possono essere anche trasportati in aereo, a tal proposito è bene informarsi presso la compagnia aerea sulle condizioni richieste. In generale gli animali di piccola taglia possono viaggiare in cabina insieme al proprietario, mentre i cani di grossa taglia vengono messi in apposite gabbie nella stiva anche se questo non è il massimo della comodità e della sicurezza per l’animale. 

IN CITTA’ - Per le passeggiate in città, infine, si ricorda che il cane deve essere condotto al guinzaglio (di lunghezza non superiore a 1,50metri) e occorre avere a disposizione il necessario per raccogliere le feci e la museruola in caso di rischio per l’incolumità di persone o animali oppure per accedere a locali e mezzi di trasporto pubblici. Il cane può essere lasciato libero, sotto la custodia del padrone, solo in aree appositamente attrezzate e predisposte dal Comune.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le regole per viaggiare con il proprio cane

Today è in caricamento