Martedì, 13 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

80 anni dall'assassinio di Trotsky, nella casa-museo in Messico

Il rivoluzionario anti-Stalin per moltissimi ancora un simbolo

Roma, 19 ago. (askanews) - Ottanta anni dall'assassinio di Leon Trotsky: ucciso brutalmente per ordine di Stalin nel suo rifugio in Messico il 4 agosto del 1940. Le sue esequie radunarono decine di migliaia di persone.

Nato Leo Davidovich Bronstein, fu uno dei grandi ideologi della rivoluzione russa; dopo la morte di Lenin nel 1924, Stalin lo esautorò e nel 29 lo costrinse all'esilio. La sua casa in Messico dove abitò dal 37 oggi è un museo.

Esiliato, Trotsky continuò a sperare nella sua visione del comunismo; nel 1938 a Parigi fondò la Quarta Internazionale, alternativa alla Terza Internazionale russa di Stalin. Il trotzkismo, ovvero l'ideologia della rivoluzione permanenente planetaria, divenne anatema per lo stalinismo e i suoi seguaci.

Gabriela Perez Noriega è la direttrice del Museo Leon Trotzky: "E' come una macchina del tempo, perché ci fa conoscere esattamente l'ambiente in cui viveva. I mobili sono quelli originali, furono costruiti da una delle sue guardie del corpo".

Trotsky sfuggì a un primo tentativo di assassinio nel 1940; la casa messicana porta ancora le tracce dei proiettili. Tre mesi dopo, il suo assassino, Ramon Mercader, comunista spagnolo e agente segreto sovietico, lo uccise con un'accetta da montagna per il ghiaccio.

Da Cuba, Leonardo Paduro, lo scrittore che ha studiato a lungo Trotsky per il suo romanzo "L'uomo che amava i cani", dà una chiave per comprendere la popolarità della figura di questo rivoluzionario intellettuale, cosmopolita, capace di parlare al popolo e dotato di idee più eterodosse di Stalin: "Dopo l'assassinio di Trotsky, il trotzkismo diventa una corrente più importante soprattutto qui in America Latina, dove è celebrato in paesi come l'Argentina e il Perù. L'assassinio di Trotsky fu un crimine fisico ma anche ideologico, soprattutto ideologico anzi, e questo lo ha trasformato in un crimine simbolico. Credo che Trotzky avrebbe avuto una visione più pragmatica della realtà. Avrebbe applicato forse metodi simili, ma meno violenti di Stalin".

Si parla di

Video popolari

80 anni dall'assassinio di Trotsky, nella casa-museo in Messico

Today è in caricamento