Giovedì, 13 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Cuba il passaggio di poteri tra Raùl Castro e Diaz-Canel

Continuità in primo discorso del neo segretario Partito comunista

L'Avana, 20 apr. (askanews) - l passaggio di poteri tra la famiglia Castro e Miguel Diaz Canel viene sigillato tra gli applausi da una stretta di mano con Raùl, fratello del lìder maximo Fidel, che a 89 anni va in pensione e lascia al presidente cubano anche il ruolo più importante, quello di segretario del partito comunista cubano (Pcc).

Nel suo primo discorso da leader all'VIII congresso del partito Diaz-Canel, 60 anni, ha assicurato la continuità della Rivoluzione:

"La nostra generazione comprende la responsabilità che assume accettando questa sfida e dichiara davanti alla generazione storica il suo onore e il suo orgoglio di dare continuità alla rivoluzione", ha affermato Diaz-Canel.

"É bene avvertire i plebei mercenari che approfittano del destino di tutti, quelli che chiedono un'invasione permanente, quelli che offendono con parole e fatti e coloro che non riposano mai, che la pazienza del popolo ha dei limiti", ha aggiunto.

"Il compagno Raùl per la sua legittimità e perché Cuba ha bisogno di lui - ha sottolineato Diaz-Canel - sarà consultato sulle decisioni strategiche di maggiore importanza per il destino della nazione". Il generale, ha promesso, continuerà a essere presente per tutti i comunisti e tutti i rivoluzionari cubani e metterà in guardia "in caso di errore o mancanza", pronto ad affrontare l'imperialismo in prima linea con il suo fucile.

Un passaggio di poteri che si svolge in un momento critico per l'isola, piombata nella peggiore crisi economica degli ultimi 30 anni, a causa della pandemia di coronavirus e dell'inasprimento dell'embargo americano imposto dal 1962. E anche il partito invecchia. Alcuni, la storica generazione, quelli che hanno fatto la rivoluzione del 1959, sono usciti dal Bureau, cuore del potere a Cuba. La sua nuova composizione mostra tuttavia una media di 61 anni e solamente 3 donne su 14 componenti. Nel partito il 42% dei militanti inoltre ha più di 55 anni.

(immagini Afp)

Si parla di

Video popolari

A Cuba il passaggio di poteri tra Raùl Castro e Diaz-Canel

Today è in caricamento