Sabato, 27 Febbraio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Montecitorio la protesta delle lavoratrici del gioco legale

Chiedono di riaprire settore a rischio infiltrazioni criminalità

Roma, 2 feb. (askanews) - Le lavoratrici del gioco legale ancora in piazza. Mascherina rosa, abito lungo bianco, sui cartelli la scritta "Il lavoro è la nostra dignità". Dal 12 gennaio queste donne - impiegate in sale scommesse o sale Bingo - hanno manifestato più volte davanti Montecitorio: "Siamo qui per richiedere pari dignità e la riapertura del gioco pubblico nella sua interezza, perché conta 150.000 lavoratori e siamo il terzo settore erariale", spiega una manifestante.

"Siamo allo stremo, chiediamo pari dignità, abbiamo le attività chiuse già da 8 mesi, non abbiamo un futuro garantito né per noi, né per i nostri figli", ha aggiunto.

"Ma l'altro gioco legale nei tabaccai continua: Gratta e vinci, SuperEnalotto", denuncia un'altra dimostrante.

"Vediamo che ci sono delle discriminazioni, perché non è stato come il lockdown di marzo nel quale abbiamo chiuso tutti. Chiediamo al governo un incontro", spiegano.

"Siamo 70.000 donne nel settore - aggiunge un'altra presente - sono in cassa integrazione e per il mese di dicembre ho ricevuto 444 euro e 45 centesimi".

"Sono le istituzioni che chiedono di riaprire, il prefetto di Firenze, il procuratore anti-mafia e il capo della squadra mobile che dicono 'aprite il gioco legale, perché è intervenuta la criminalità organizzata'", ricorda un'altra donna.

Si parla di

Video popolari

A Montecitorio la protesta delle lavoratrici del gioco legale

Today è in caricamento