rotate-mobile
Venerdì, 30 Settembre 2022

A Roma corruzione nel commercio ambulante, Gdf esegue 18 arresti

Coinvolti pubblici ufficiali del Comune e imprenditori

Milano, 23 set. (askanews) - Corruzione ed estorsione: così venivano gestite alcune autorizzazioni degli ambulanti di Roma secondo una indagine della Gdf, non l'unica sul settore, che ha portato alla luce un vero e proprio sistema messo in piedi da un gruppo di 13 persone: due pubblici ufficiali, quattro esponenti di un associazione sindacale, sette imprenditori-commercianti. In tutto sono 18 le persone arrestate, per, a vario titolo, associazione a delinquere, corruzione, induzione indebita a dare o promettere utilità, rivelazione del segreto d ufficio, estorsione, abusiva attività finanziaria, usura e autoriciclaggio.

La concessione di postazioni veniva gestite tramite intimidazioni, minacce e violenze per ottenere indebite somme di denaro, ma anche ripetuti pranzi o cene, capi di abbigliamento griffati e abbonamenti annuali per assistere a partite del campionato di calcio di Serie A.

Contestata anche l'ipotesi di usura con tassi al 500% annui.

Sequestrato agli indagati anche 1 milione di euro, profitto dei reati contestati.

Si parla di

Video popolari

A Roma corruzione nel commercio ambulante, Gdf esegue 18 arresti

Today è in caricamento