Mercoledì, 12 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A San Pietro l'ultimo Angelus "in presenza" prima del lockdown

Fedeli tristi: "E' un peccato, ma è necessario"

Roma, 15 mar. (askanews) - Via della Conciliazione, a Roma, è transennata, la piazza antistante San Pietro è presidiata dalle forze dell'ordine per evitare assembramenti. Hanno creato due cordoni, per incanalare i fedeli.

L'atmosfera, forse anche complice il cielo grigio, è cupa. E c'è tristezza tra i fedeli che hanno partecipato all'ultimo Angelus di Papa Francesco "in presenza", affacciato dalla finestra della Terza Loggia del Palazzo Apostolico. Perché da oggi Roma è di nuovo in zona rossa e da domenica prossima, molto probabilmente Francesco si collegherà per il tradizionale Angelus dalla Biblioteca Apostolica.

"E' un peccato", dicono molti fedeli radunati a San Pietro, "non è la stessa cosa sentire il Papa e vederlo dal vivo. "Ma è necessario. Ora le regole sono queste, dobbiamo vincere questo maledetto virus".

Misure restrittive che saranno in vigore fino a Pasqua compresa. Sulle festività pasquali il Vaticano non ha ancora comunicato come si terranno le celebrazioni. Ma sicuramente la Santa Sede si allineerà alle disposizioni italiane.

Si parla di

Video popolari

A San Pietro l'ultimo Angelus "in presenza" prima del lockdown

Today è in caricamento