Sabato, 10 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Seoul tutti in fila per il test dopo il passaggio dell'"untore"

Scoppia un cluster nella zona dei locali della capitale coreana

Seoul, 12 mag. (askanews) - Gli operatori sanitari del Yongsan medical center di Seoul hanno il lor bel daffare con l'eseguire i test dopo un picco di nuovi contagi di coronavirus nella capitale della Corea del Sud. Sono infatti più di 100 (102) i casi di nuovo coronavirus legati al cluster dei locali della movida nel quartiere Itaewon di Seoul, tutti uomini sui 20-30 anni.

Secondo il sindaco della capitale, Park Won-soon, inoltre, quasi 11.000 persone (10.905) hanno visitato il quartiere e a tutti è stato inviato un messaggio che invita a sottoporsi al tampone.

"Un grande numero di casi confermati sono stati scoperti nel distretto Itaewon e dato che vivo nella zona - dice Jeon Seung-ho, musicista 25enne - sono venuto a sottopormi al test per sicurezza. Credo che il governo avrebbe dovuto incoraggiare i club a chiudere prima di tutto".

"Dopo la chiusura dei locali, non mancherà molto che il governo chiuda il secondo posto più affollato - aggiunge Lee Yeo-ro, scrittore - e se ci sono altri casi confermati, chiuderanno anche i caffé. Senza sapere dove mettere un confine, ho paura che finiremo in un lockdown esteso, come molti altri paesi all'estero. È necessaria una discussione dettagliata sul metodo per fermare la diffusione del virus".

Le autorità hanno promesso che la convocazione per il test resterà anonima, dato che tra i locali sotto accusa ci sono anche molti ritrovi gay. Molti clienti dei nightclub di Itaewon sono riluttanti a uscire allo scoperto, a causa dello stigma che circonda l'omosessualità nel paese conservatore. La Corea del Sud è stata vista come un modello globale nella lotta al Covid, ma questa improvvisa impennata di contagi ha obbligato le autorità a rinviare l'apertura delle scuole prevista questa settimana. Seoul, come la vicina provincia di Gyeonggi e le città di Incheon e Daegu, hanno già ordinato la chiusura di bar e locali.

Si parla di

Video popolari

A Seoul tutti in fila per il test dopo il passaggio dell'"untore"

Today è in caricamento