Lunedì, 21 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

AD10S Diego, i funerali di Maradona: turbine di lacrime e folla

L'inviato degli scoop: lascia una collezione di maglie milionaria

Buenos Aires, 27 nov. (askanews) - AD10S Diego. Il caos e l'eccesso di emozioni che ha dominato la sua vita, ha contraddistinto anche i suoi funerali. L'estremo saluto a Diego Armando Maradona è stato così. Un turbine di lacrime, grida strazianti e folla. Qualcosa che in epoca Covid è in genere impensabile. Ma per il campione a cui è stato concesso tutto, anche le esequie devono essere all'altezza.

In Argentina, sono stati indetti tre giorni di lutto nazionale. Punto di partenza: il corpo in una bara chiusa nel palazzo presidenziale della Casa Rosada nella centrale Plaza de Mayo. Coperto con la bandiera argentina blu e bianca e una maglia da calcio argentina con il numero 10 che faceva parte del suo soprannome "D10S".

Maradona è stato sepolto in fretta e furia, in mezzo a un'ondata di dolore globale, dalle strade di Buenos Aires sino a Napoli. Migliaia di argentini, migliaia di napoletani con indosso proprio quel 10 che è diventato un'ossessione in queste ore.

Genio imperfetto Maradona, funerali imperfetti, assembramenti e calca nonostante i timori del virus. Sepoltura con cerimonia privata nel cimitero di Bella Vista, alla periferia di Buenos Aires, accanto ai genitori. Ora occhi puntati sull'eredità, che lascia il fantasista, dove a quanto pare non ci sono soltanto appartamenti e denaro.

"Ha questa collezione di magliette di tutti i più grandi calciatori del mondo, che sono stati suoi avversari: è una cosa immensa, sterminata. Se la metti all asta e trovi un amatore, è qualcosa che vale milioni".

Raggiunto telefonicamente da askanews Franco Esposito, firma storica del calcio partenopeo e autore di tutti i principali scoop legati al pibe de oro, aggiunge un dettaglio tutt'altro che secondario. Perché alla fine, quello che resta è il calcio:

"Il Calciatore quello che era, non si può raccontare, quello che ci ha fatto vedere, quello che era capace di fare. Perché sono cose che davvero appartengono all'ultraterreno".

Si parla di

Video popolari

AD10S Diego, i funerali di Maradona: turbine di lacrime e folla

Today è in caricamento