Martedì, 15 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Afghanistan, in fuga da talebani si rifugiano nella città perduta

Tra le rovine millenarie di Qala-e-Kohna, nella provincia Helmand

Roma, 24 mag. (askanews) - Un tempo residenza invernale dei sultani, oggi le rovine di Qala-e-Kohna, millenaria città reale nella provincia dell'Helmand, sud dell'Afghanistan, ospitano centinaia di sfollati, in fuga dagli scontri dei talebani.

Khudai Nazar, rifugiato residente a Qala-e-Kohna racconta ad Afp: "Siamo sfollati a causa degli scontri, la nostra area è ancora sotto il controllo talebano. Qui ogni famiglia ha ceduto dagli 8 ai 9 martiri, non possiamo tornare nella nostra zona. Siamo venuti qui perché impotenti, il governo non ci ha aiutato, non ci ha dato l'elettricità e non ci ha trattato bene, non ha fatto nulla per noi. Abbiamo vissuto qui perché eravamo senza aiuti, questo è un posto dove abitano i fantasmi. Gli esseri umani non dovrebbero vivere qui".

"Siamo venuti qui con la mia famiglia a Qala-e-Kohna. A Lashkar Gah, i talebani ci hanno preso casa, così viviamo qui - racconta

Bibi Halima, sfollata - e ho solo il figlio più giovane, questa è la storia. Ho sacrificato tre figli per questo governo, il governo non ha fatto nulla per me".

"Non ho nemmeno una tenda - spiega Agha Mohammad, sfollato - ma qui ho fatto una stanza per vivere qualche giorno, ma non siamo felici di vivere qui a Qala-e-Kohna, viviamo qui perché non abbiamo scelta".

"Sono stato lasciato solo e i miei quattro figli sono stati uccisi - rivela Sayed Agha, sfollato - puoi chiedere a chiunque qui e avranno perso tre o quattro familiari. Non siamo felici di stare qui, dobbiamo salvarci, viviamo qui perché senza aiuti e non ci sono altri modi".

Migliaia di persone sono sfollate nella provincia da ottobre dopo l'aumento degli attacchi dei talebani, mentre in tanti si sono trasferiti a Lashkar Gah, una delle poche aree della provincia ancora sotto il controllo del governo, alcuni hanno raggiunto altri rifugiati tra le rovine. Qala-e-Kohna, come è conosciuta localmente, o Lashkari Bazar, per gli archeologi, è un sito archeologico che si estende per 10 chilometri, noto a livello internazionale per i suoi affreschi, poi distrutti al Museo di Kabul durante la guerra civile degli anni '90, e la sua meravigliosa architettura islamica.

Il fortino di Qala-e-Bost è un sito storico. Secondo Shah Mahmud, autore del libro sulla cittadella di Qala-e-Bost questo luogo per la gente è come un tempio sacro: "Lo storico castello di Bost è molto importante per la gente dell'Helmand, ha più di 3.000 anni di storia, molte persone la visitano, ma sfortunatamente è stata danneggiata giorno dopo giorno dalla pioggia, dai venti. E il governo ancora ignora questo castello. Ci auguriamo che lo riparino presto".

(Immagini Afp)

Si parla di

Video popolari

Afghanistan, in fuga da talebani si rifugiano nella città perduta

Today è in caricamento