Martedì, 18 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al via il processo per l'omicidio del carabiniere Cerciello Rega

A Roma in aula i due americani imputati Lee Elder e Natale Hjorth

Roma, 26 feb. (askanews) - Prima udienza del processo per l'omicidio del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega il 26 luglio scorso a Roma. In aula, davanti ai giudici della I Corte d'assise di Roma, i due imputati, gli studenti americani Finnegan Lee Elder e Christian Gabriel Natale Hjorth, detenuti nel carcere di Regina Coeli. L'accusa principale da cui devono difendersi è quella di omicidio volontario, ma la Procura contesta anche i reati di lesioni, tentata estorsione e resistenza a pubblico ufficiale.

Presenti all'udienza anche la vedova di Cerciello, i genitori di Elder e lo zio di Hjorth e molti giornalisti.

Secondo la ricostruzione ufficiale, Cerciello quella sera, insieme al collega Andrea Varriale andò in via Pietro Cossa per recuperare la borsa che i due ragazzi avevano rubato a Sergio Brugiatelli. Dietro a tutto c'era l'acquisto di una presunta dose di cocaina da parte dei due turisti. Nella bustina però c'era della Tachipirina. In base alle accuse, i due americani dopo il furto della borsa avevano organizzato un cosiddetto "cavallo di ritorno" per riavere soldi e droga. All'appuntamento però si presentano i carabinieri. Cerciello Rega venne ucciso da 11 coltellate inferte da Elder. I due americani, arrestati poco dopo, sostengono che quella sera non sapevano chi avevano di fronte. Non sapevano che Cerciello fosse un carabiniere. Il militare era in borghese e disarmato.

Si parla di

Video popolari

Al via il processo per l'omicidio del carabiniere Cerciello Rega

Today è in caricamento