Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Amici Onlus in campo contro infezioni ospedaliere

Serve campagna di informazione per prevenire le ICA

 

Milano, 14 set. (askanews) - In Italia ci sono circa 250mila pazienti affetti da Malattie Infiammatorie Croniche dell'Intestino (MICI), soprattutto malattia di Crohn e colite ulcerosa. Il 13%, dei pazienti costretti al ricovero o ad effettuare esami diagnostici per queste patologie contrae Infezioni Correlate all'Assistenza (ICA), come infezioni delle vie urinarie e delle ferite chirurgiche, polmoniti, epatite B e sepsi. A causa di queste infezioni quasi la metà dei pazienti ricoverati (49,68%) subisce un prolungamento della degenza in ospedale. Un problema in gran parte dovuto alla mancanza di informazioni sulla prevenzione. Salvo Leone, direttore generale AMICI Onlus: "Amici da questo punto di vista è stata all'avanguardia perché ha condotta un'indagine per capire quale fosse la percezione dei pazienti affetti da queste patologie ed è venuto fuori che uno su quattro non aveva ricevuto informazioni da parte del professionista che stava effettuando la prestazione e addirittura l'89% non conosceva le procedure di sicurezza per evitare le contaminazioni".

Avere pazienti informati o "engaged" genera un processo virtuoso con molteplici ricadute positive. "L'informazione - ha spiegato Leone - nel caso delle malattie croniche intestinali, ma anche in generale visto l'attuale situazione di pandemia, è molto importante perché serve a garantire la salute dei pazienti che si recano in ospedale, la salute dei professionisti che effettuano le prestazione, ma, soprattutto, è importante perché garantisce un minor rischio di complicanze per la salute del paziente e anche una riduzione dei costi a carico del sistema sanitario nazionale e del cittadino".

I pazienti affetti da MICI sono particolarmente vulnerabili alle infezioni perché spesso seguono terapie immunosoppressive che abbassano le difese immunitarie. Per questo l'attenzione nei loro confronti è ancora maggiore. Silvio Danese professore di Gastroenterologia e responsabile centro MICI dell'Istituto Clinico Humanitas di Milano: "L'assunzione dei farmaci biologici o comunemente degli immunodepressori e degli steroidi, può aumentare il rischio per i nostri pazienti; però un'ottima storia clinica, la prevenzione con le vaccinazioni e l'attento monitoraggio nel tempo, fanno si che riusciamo a controllare e abbassare questo rischio".

Per sensibilizzare sulle Infezioni Correlate all'Assistenza (ICA), AMICI Onlus lancerà con il coinvolgimento di Istituzioni, medici e operatori del settore una campagna di informazione e di "buone pratiche" da adottare, per prevenire le contaminazioni. Secondo lo studio WeCare condotto sempre da AMICI Onlus, i pazienti informati risultano avere una spesa sanitaria diretta (farmaci, visite, esami) inferiore del 20% e un tasso di giorni di assenza dal lavoro per le cure più basso del 25%.

"Al fine di prevenire le infezioni opportunistiche - ha concluso Danese - è fondamentale l'armonizzazione dell'Associazione dei pazienti, dei pazienti e dei medici in modo tale che tutti siano allineati sull'importanza della prevenzione attraverso le vaccinazioni e poi attraverso il monitoraggio dei sintomi affinché le eventuali infezioni possano essere riconosciute subito e si possa intervenire in maniera pronta".

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento